chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Questi post è ripreso da Advox, progetto del circuito Global Voices mirato a tutelare la libertà d'espressione contro la censura online. Per saperne di più · tutti gli articoli

RSS

articoli mini-profilo di Advox da gennaio, 2018

31 gennaio 2018

Perché aspettare? Wikipedia e Google indicano per errore Putin come vincitore delle elezioni presidenziali 2018

RuNet Echo

Non è dato sapere se si è trattato di uno scherzo o di una mossa politica.

26 gennaio 2018

Cosa succede a Maekelawi? Racconti di torture in un carcere etiope destinato alla chiusura

"L'angoscia dei prigionieri etiopi, che sembrava essere un lontano ricordo del passato, non è poi così lontana".

23 gennaio 2018

Giornalisti di Reuters detenuti in Myanmar per “aver acquisito illegalmente informazioni” sui Rohingya

"Se il Myanmar vuole veramente introdurre riforme democratiche, deve accettare il diritto dei giornalisti di lavorare in libertà e di riferire notizie sgradite al potere."

22 gennaio 2018

La polizia nigeriana arresta un giornalista e suo fratello per un articolo che non hanno mai scritto

"La polizia non ha diritto di fare irruzione nella casa di un giornalista ed arrestarlo solo perché ad un funzionario non è piaciuto un articolo".

17 gennaio 2018

‘Se non mi oppongo alla dittatura, sono ancora un uomo?': l'attivista cinese Wu Gan condannato ad otto anni in prigione

Wu Gan, meglio conosciuto con il soprannome di "Super Vulgar Butcher" (Super Macellaio volgare), è attivo nei circoli dei diritti umani cinesi dal 2008.

15 gennaio 2018

Quando terminerà il controllo sulla libertà d'espressione in Azerbaigian?

Le riforme legali che limitano la libertà d'espressione sembrano minacciare tutti fuorché la classe dirigente azera.

10 gennaio 2018

Ibrahim Shafi, un'altro giornalista etiope in esilio, è morto prematuramente a Nairobi

"La sua ricompensa per avere coscienza in un Paese che la criminalizza, sono stati la tortura e la morte in esilio."