chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Questi post è ripreso da Advox, progetto del circuito Global Voices mirato a tutelare la libertà d'espressione contro la censura online. Per saperne di più · tutti gli articoli

RSS

articoli mini-profilo di Advox da giugno, 2019

25 giugno 2019

Netizen Report: i sudanesi che manifestano per la democrazia affrontano la violenza militare e i blocchi di internet

Dal Kazakistan a Khartoum e Hong Kong, le proteste questa settimana hanno innescato diversi blocchi della rete internet.

20 giugno 2019

Tinder dovrà ora fornire i dati degli utenti alle autorità russe

RuNet Echo

Il 31 marzo 2019, l'agenzia di stato russa per la censura, il Roskomnadzor (acronimo di Servizio Federale per la Supervisione delle Comunicazioni, Tecnologie Informatiche e Mass...

19 giugno 2019

Diritto all'informazione: con la nuova legge in vigore, il Ghana prenderà la stessa strada della Nigeria?

Circa due dozzine di Paesi africani hanno approvato leggi sul Diritto all'Informazione. Per quanto siano ambiziose in linea di principio, nella pratica hanno parzialmente fallito.

8 giugno 2019

Il primo ministro della Papua Nuova Guinea sollecita la proposta per regolare i social media e fermare le ‘fake news’

"Non è possibile controllare le piattaforme dove le informazioni vengono diffuse, tentativi di fare ciò compromettono il ruolo della democrazia e libertà sanciti dalla Costituzione."

6 giugno 2019

Il nuovo gioco di Tencent mostra come vengono attuate le regole della censura in Cina

I nuovi regolamenti impongono anche agli autori dei giochi di promuovere i valori, la cultura e le immagini cinesi nel gioco.

2 giugno 2019

Il movimento Hirak in Marocco rimane tranquillo, ma continua la repressione dei giornalisti indipendenti

Il movimento ha avuto delle ripercussioni anche per i giornalisti indipendenti e per chiunque abbia scelto di documentare le proteste e la successiva repressione.