chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Questi post è ripreso da Advox, progetto del circuito Global Voices mirato a tutelare la libertà d'espressione contro la censura online. · tutti gli articoli

RSS

articoli mini-profilo di Advox da marzo, 2021

Il Pakistan blocca TikTok per la seconda volta

TikTok è stato bloccato in Pakistan per 10 giorni a ottobre 2020, poi ripristinato dopo che la società ByteDance ha assicurato alle autorità di rafforzare...

In Tagikistan, i critici online finiscono dietro le sbarre accusati di ‘estremismo’

In Tagikistan, molti bloggers e attivisti "senza peli sulla lingua" rinchiusi dietro le sbarre e la libertà di espressione online è stata gravemente limitata. 

Il verdetto della Corte europea dei diritti dell'uomo rivendica l'editorialista macedone condannato per diffamazione nel 2010

"Questo verdetto è importante per i giornalisti macedoni, gli editorialisti e generalmente per chi appare pubblicamente, incoraggia ad essere di principio, onesti, coraggiosi e persistenti".

Il governo etiope ha usato le restrizioni della COVID-19 per zittire il dissenso?

Restrizioni dello stato di emergenza usate come motivo per arestare un avvocato e un giornalista l'anno scorso - entrambi noti critici del governo di Addis...

In Mozambico, il presidente accusa la stampa di “agire per conto dei terroristi” a Cabo Delgado

Le affermazioni del presidente arrivano da contesti di scarsa informazione sul conflitto nel nord del Paese. I giornalisti locali sono stati arrestati dalle forze armate.

In vigore l'ordinanza sulle “fake news” della Malesia tra il continuo timore per l'emergenza COVID-19

"Questa ordinanza rafforza la percezione che lo stato di emergenza in cui siamo sia una maschera per frenare qualsiasi forma di critica verso il governo".

Twitter potrebbe essere completamente bloccato in Russia dal prossimo mese

In Kirghizistan, l'incitamento all'odio sui social media è incontrollato

Dopo le contestate elezioni in Kirghizistan, attivisti, oppositori politici e giornalisti indipendenti sono stati presi di mira su internet, con l'aiuto dei leader della nazione.

I giornalisti somali dicono che la nuova legge sui media imbavaglierà la libertà di stampa

I giornalisti somali dicono che la nuova draconiana legge sui media reprimerà i giornalisti che si stanno già battendo in un ambiente mediatico ostile.

Attivista di Singapore col “sorriso” su un cartello accusato di assemblea illegale

Sono rimasto lì non più di pochi secondi. Nonostante ciò, quello che ho fatto è stato considerato dallo Stato come una pubblica protesta.

Giornalista russa costretta a dimettersi per aver criticato le autorità di San Pietroburgo sul canale Telegram

La reporter Maria Karpenko dichiara di essere stata costretta a dimettersi per aver cogestito un canale Telegram in cui critica le autorità di San Pietroburgo.

Tassare il dissenso: il dilemma dei social media in Uganda

La tassa sui social media in Uganda rende internet meno accessibile e sembra voler reprimere il dissenso e la libertà d'espressione.