chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

· aprile, 2015

articoli mini-profilo di Citizen Media da aprile, 2015

30 aprile 2015

Attivista pakistana uccisa dopo aver ospitato un evento sul Belucistan

Sabeen aveva organizzato questo evento dopo che una tavola rotonda era stata cancellata da una famosa università privata, in seguito a pressioni da parte dei...

Dobbiamo davvero avere pena dei “poveri” uomini occidentali “intrappolati” in Giappone?

L'articolo del Japan Times "Un pensiero per quei poveri occidentali intrappolati in Giappone" sulle difficoltà di vita da loro incontrate, non trova consensi sui social...

29 aprile 2015

‘C'è una parola che manca nella storia del genocidio armeno: giustizia’

Solo cinque nazioni dell'America Latina hanno riconosciuto il genocidio armeno, tra queste l'Argentina, dove una giornalista racconta la storia straziante della fuga dei suoi nonni.

27 aprile 2015

Terremoto in Nepal: gli strumenti online più utilizzati dai netizen per ritrovare i propri cari

Dopo il terribile terremoto, i netizen nepalesi e persone da tutto il mondo stanno raggiungendo i propri cari tramite applicazioni speciali e i social media.

L'Africa e i suoi storyteller: i media e i social del continente

Il racconto dell'Africa sui media occidentali è spesso approssimativo e stereotipato. Lo sviluppo di start-up, blog e dei social africani offre una narrazione più autentica.

25 aprile 2015

Il vignettista malese che continua a combattere nonostante le accuse di sedizione

Advox

"Non starò in silenzio. Come potrei mai essere neutrale? Persino la mia penna ha preso la sua posizione!" afferma il vignettista malese Zunar, artista e...

La donna che combatte in Ecuador per il diritto di trapianto verso sua cognata

Daniela Peralta continua la campagna sui social contro la legge che impedisce ai parenti di donarsi organi: vorrebbe salvare la cognata malata di insufficienza renale.