chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

· luglio, 2008

articoli mini-profilo di Etnia da luglio, 2008

Faiza Silmi: sintesi dei commenti

  31 luglio 2008

Pubblichiamo la traduzione dei commenti più significativi apparsi ai due post originali sulla vicenda di Faiza, la marocchina cui è stata respinta la richiesta di cittadinanza perchè "insufficientemente assimilabile". Commenti che ampliano il contesto fino a toccare gli aspetti più complessi della nostra epoca: il rapporto tra stato e religione e, in particolare, tra l'Islam e gli stati 'occidentali'.

Arabeyes: negata la cittadinanza francese a una marocchina per via del burqa

  30 luglio 2008

La settimana scorsa una donna residente in Francia si è vista rifiutare la cittadinanza poichè "insufficientemente assimilata". Pur se la maggior parte dei giornali hanno subito sottolineato il fatto che Faiza indossi il burqa e sia sottomessa ai maschi della famiglia, la questione solleva risvolti ben più complessi. Ne discutono un po' ovunque i blogger, senza risparmiare i toni accesi.

Palestina: traditi da Obama

  30 luglio 2008

La visita di Barack Obama in Israele e Palestina ha deluso i molti sostenitori della causa palestinese, che vi hanno visto soprattutto il malcelato tentivo di conquistare il voto degli ebrei americani. Diversi blogger ne riconsiderano la figura e le aspettative alla luce di questa visita.

Palestina: giornalismo selettivo

Dopo il secondo attacco con un bulldozer guidato da un civile palestinese in meno di un mese, i blogger palestinesi sono frustrati dal modo in cui i media locali ed internazionali hanno riportato i due eventi, ignorando problematiche locali ben più significative a livello globale.

Bosnia Herzegovina: Anniversario di Srebrenica

Lo scorso 11 luglio, nel silenzio dei grandi media, si è svolta la commemorazione del tredicesimo anniversario della strage di Srebrenica. La comunità locale ha celebrato i funerali di alcune delle vittime finora identificate. Sotto accusa anche l'ONU: non verrà processata in Olanda per le responsabilità connesse alla tragedia perchè la Corte le ha riconosciuto l'immunità. La blogosfera commenta.

leggi l

Reazioni al Summit per l'Unione del Mediterraneo

  17 luglio 2008

Dopo l'inaugurazione dell'Unione del Mediterraneo, gran cerimonieri Sarkozy e Mubarak, i blogger dei Paesi della sponda meridionale si interrogano sulla natura della collaborazione con l'Unione Europea, commentando intrecci diplomatici, assenze importanti e presenze a sorpresa.

Relazioni tra Armenia e Turchia

  17 luglio 2008

The Armenian Observer commenta le nuove mosse per promuovere il dialogo con la Turchia. I due paesi non hanno relazioni diplomatiche ed i loro confini rimangon chiusi. Ad ogni modo, il blog nota che le reazioni interne all'Armenia su tali mosse, per promovere una riconciliazione tra i due vicini, sono...

Europa: I Rom d'Italia

Prendendo spunto da un articolo apparso su Comment is Free, il blog del quotidiano britannico The Guardian, dove Seumas Millne rilevava il ‘silenzio assordante’ dei leader europei sul piano di schedatura dei Rom proposto nel nostro Paese, A Fistful of Euros apre la discussione sulla situazione titolando ‘Rom d'Italia, che...

Armenia: Opinioni sulla diaspora

  16 luglio 2008

Social Science in the Caucasus commenta le proprie ricerche sulle difficoltà affrontate dagli armeni emigrati all'estero che vogliono tornare in patria. Il blog nota come emerga pesso una sorta di competizione tra gli armeni autoctoni e quelli nati all'estero, così come esiste una differenza di mentalità e valori [in].

Palestina: terrorismo o follia omicida ?

  14 luglio 2008

In Medio Oriente diversi blogger rilanciano e commentano sui titoli apparsi sulle prime pagine delle testate israeliane e straniere dopo che Husam Taysir Dwayat, palestinese residente a Gerusalemme, si è lanciato ad alta velocità con un bulldozer nel mezzo di una strada affollata di Gerusalemme Ovest, uccidendo tre persone e ferendone almeno 66, prima di essere freddato da un soldato israeliano.