chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

· ottobre, 2019

articoli mini-profilo di Etnia da ottobre, 2019

25 ottobre 2019

Dall'India e dal Nepal, l'inesplorata bellezza dell'arte coi covoni di riso

La tradizione di decorare le case con riso intrecciato in forme armoniche sta lentamente sparendo.

17 ottobre 2019

Alla scoperta della vita dei Voti, etnia russa in via di estinzione

Rising VoicesRuNet Echo

Composta da poche decine di persone, la più grande comunità mondiale dei Voti vive fuori San Pietroburgo. Victoria Vziatysheva ha intervistato gli ultimi discendenti viventi.

15 ottobre 2019

Riscoprire le ricchezze del patrimonio musulmano di San Pietroburgo

"I musulmani non sono solo ospiti in questa città, ne erano anche i padroni e alcuni dei primi abitanti".

Il governo indiano ha chiesto a Twitter di rimuovere i profili che ‘diffondono dicerie’ sul Kashmir

Advox

Con il blackout delle comunicazioni in Kashmir, i netizen hanno denunciato su Twitter la revoca dello status di regione autonoma al Kashmir da parte dell'India.

10 ottobre 2019

L'autoimmolazione di un professore mette in luce il fragile futuro delle lingue minoritarie in Russia

RuNet Echo

Molti critici sulla morte di Razin sono sconcertati dall'uso delle lingue minoritarie nella vita quotidiana, o morire per esse, atteggiamento presente non solo in Russia.

8 ottobre 2019

Il Camerun sulla via del “dialogo nazionale”, mentre continua la crisi nelle regioni anglofone

I dialoghi nazionali sono stati annunciati tra violenze in corso e sfollati in fuga da intimidazioni, quartieri blindati e chiusura delle scuole nelle regioni anglofone.

4 ottobre 2019

In Camerun, i genitori temono di rimandare a scuola i loro bambini nel bel mezzo del conflitto armato

I separatisti hanno utilizzato boicottaggi come pedine di scambio; hanno ucciso e rapito i professori per evitare la riapertura finché le richieste non saranno corrisposte.