chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

· settembre, 2010

articoli mini-profilo di Libertà d'espressione da settembre, 2010

Cina: auto-immolazione a Yihuang e il potere del microblogging

L'opinione pubblica cinese è riuscita ancora una volta a farsi sentire tramite il web, in un episodio di demolizione forzata che ha portato gli occupanti...

Arabia Saudita: niente licenza, niente blog?

Il Ministero saudita della Cultura e dell'Informazione ha reso pubblica la nuova normativa secondo cui tutti i gestori sauditi di siti web e media online,...

Cina: verso il diritto di sciopero?

Nel 2010 è aumentato il numero di lavoratori cinesi disposti a battersi per i propri diritti: il recente sciopero di alcuni operai cinesi emigrati in...

Colombia: J. J. Rendón, “l'Innominabile”

Tomáz Garzía, blogger e cartoonist colombiano, ha rivelato sul suo blog di aver ricevuto un'email dal rappresentante legale di Juan José Rendón, discusso consulente politico,...

Arriva la Social Media Week — virale e globale

In contemporanea con altre città internazionali, sbarca anche a Milano la Social Media Week: oltre 90 eventi gratuiti animati e curati da 250 persone tra...

Russia: si infiamma lo scontro tra i blogger e il partito al governo

Dopo le critiche rivolte dai blogger al governo nella gestione degli incendi, si acutizza il conflitto tra la comunità virtuale russa e gli attivisti pro-governativi....

Giordania: approvate modifiche al nuovo codice penale informatico

Il dibattito sul codice penale informatico da poco introdotto in Giordania si è concluso dopo che il governo ha recepito le critiche ed emendato il...

Sudafrica: controversa proposta di legge per regolamentare la libertà di stampa

Per la prima volta dopo l'abolizione dell'apartheid, l'ampia libertà di stampa nel Paese sembra essere in pericolo. Il Parlamento sta valutando una nuova proposta di...

Iran: blogger e attivista rischia la pena di morte per “comportamento ostile a Dio”

Shiva Nazar Ahari, attivista dei diritti umani, rischia di essere formalmente accusata di moharbeh, vale a dire "nemica di Dio" -- reato che può portare...