chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

· luglio, 2018

articoli mini-profilo di Libertà d'espressione da luglio, 2018

Cosa bisogna fare per #salvareinternet in Europa? Punti di vista dalla Romania

Le proposte sul copyright portate avanti dagli organi direttivi europei devono tener conto della natura delle tecnologie digitali di rete e dei loro usi potenziali.

Messico stretto tra gang e guerre commerciali: quali tipi di problemi dovrà affrontare il nuovo Presidente?

"Oggi, in Messico le armi non servono per ottenere il potere, ma per controllare l'accesso al potere",

La tassa sui social media imposta in Uganda aggraverà ulteriormente il divario digitale di genere

"Intervistando donne abitanti di uno slum di Kampala, ho scoperto che per loro WhatsApp e Facebook rappresentavano l'internet.. Con la nuova tassa non potranno accedervi".

‘Se non è registrato, non è successo': Israele vuole limitare la documentazione fotografica delle attività militari

I legislatori spingono due proposte di legge che ridurrebbero il diritto di parola di attivisti e giornalisti critici sulla politica israeliana nei territori occupati palestinesi.

No alla tassa sui social che colpisce donne, giovani e poveri in Uganda

Gli ugandesi dicono No alla tassa sui social media (#NoToSocialMediaTax) perché anticostituzionale, aumenta la povertà, prende di mira i giovani e aggrava il divario digitale.

#NoToSocialMediaTax: unisciti a Global Voices il 9 luglio nella Tweetathon contro la tassa sui social in Uganda

La libertà è gratuita, non si tassa. Global Voices sostiene la campagna #NotoSocialMediaTax in Uganda.

Cambogia: le prossime elezioni saranno libere e giuste per il governo, ma la società civile dice il contrario.

Il governo ha sciolto il principale partito di opposizione, posto restrizioni agli osservatori elettorali, esteso il controllo su internet e social media, e multato riviste.

Iran: in carcere l'avvocato dei diritti umani Nasrin Sotoudeh, difensore delle ragazze che protestavano contro l'hijab

"Se mi chiedete cosa pensano davvero le autorità, dirò che vogliono che Nasrin resti a casa e smetta di difendere gli attivisti civili e politici."