chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

· aprile, 2020

articoli mini-profilo di Migrazioni da aprile, 2020

Discreto riconoscimento in Giappone per Sugihara Chiune nel 75° anniversario della liberazione di Auschwitz

Nel 1940, il diplomatico Sugihara, allora in missione in Lituania, rilasciò 6000 visti agli ebrei in fuga verso le Americhe attraverso il Giappone.

Impatto delle misure di contenimento del COVID-19 sui diritti umani e le libertà civili in Medio Oriente

Le restrizioni contro la diffusione di COVID-19 nei Paesi MENA hanno duramente colpito alcuni gruppi vulnerabili: difensori dei diritti umani detenuti, lavoratori migranti, media indipendenti.

Dare un senso alla “crisi di spopolamento” della Moldavia

Il sociologo Petru Negură parla delle cause e conseguenze del declino demografico in Moldavia, il quale risulta essere il più rapido al mondo.

Il COVID-19 colpisce anche le donne migranti indigene del Venezuela

Si è parlato tanto della crisi migratoria venezuelana e dell'aumento dei camminatori venezuelani, ma non si sa molto della situazione delle donne migranti indigene.

Tanzania colpita dal divieto di ingresso negli Stati Uniti, tra sanzioni individuali e deterioramento dei diritti umani

L'inclusione della Tanzania nel divieto di ingresso conferma l'intensificarsi della tensione diplomatica tra i due paesi, dovuta al rapido declino dei diritti umani nel Paese.

La quarantena inciderà sul diritto all'aborto in Colombia, afferma un'avvocatessa per i diritti umani

"Le eccezioni [alla quarantena] dovrebbero includere esplicitamente i servizi che permettono di mantenere e garantire l'accesso alla salute sessuale e riproduttiva", sostiene Selene Soto.

Rifugiati nei campi dell'Etiopia preoccupati per privacy ed esclusione dalla nuova registrazione digitale dell'UNHCR

La registrazione biometrica consente ai rifugiati un ID digitale per accedere all’assistenza. Questo ha sollevato serie preoccupazioni sulla privacy e sull'esclusione dei rifugiati in Etiopia.