chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

· gennaio, 2016

articoli mini-profilo di Politica da gennaio, 2016

31 gennaio 2016

Rouhani a Roma: Lo scandalo delle #statuecoperte dei Musei Capitolini

Polemiche scoppiate durante la visita romana del presidente iraniano Rouhani, dopo che alcune statue di nudo sono state coperte per non offendere la sensibilità dell'ospite.

26 gennaio 2016

Una rete compatta di troll su LiveJournal diffonde la narrativa pro-Cremlino

RuNet Echo

Un'analisi sui metadati relativi ai bot di Twitter rivela "fabbriche di troll" russe e un vasto network di blog LiveJournal pro-Cremlino che diffondono contenuti propagandistici.

22 gennaio 2016

La “leonessa di Lampedusa” Giusi Nicolini vince il Premio Simone de Beauvoir 2016

Il Premio “Simone de Beauvoir” 2016 è stato assegnato a Giusi Nicolini, sindaco di Lampedusa, “per la sua azione coraggiosa e pionieristica in favore dei...

19 gennaio 2016

Il conflitto in Medio Oriente non è fra Sunniti e Sciiti—e non va avanti da millenni

Iyad El-Baghdadi scrive una serie di tweet per spiegare la vera natura del conflitto tra Sunniti e Sciiti.

17 gennaio 2016

Denuncia dei problemi sociali e promozione della cultura filippina attraverso la streetart

Le opere d'arte di un collettivo artistico filippino formato da studenti che, grazie al loro impegno politico e sociale, riescono ad avvicinare l'arte alle persone.

USA: secondo i repubblicani ‘odiare l'Iran vuol dire non dover mai chiedere scusa’

Il dibattito televisivo tenuto dai candidati Repubblicani alla presidenza USA è diventato un forum di fatti imprecisi che demonizzano l'Iran e i suoi abitanti.

6 gennaio 2016

La scomparsa del libraio di Hong Kong e la paura per i rapimenti della polizia cinese

"I residenti di Hong Kong possono essere presi da forze dell'ordine non locali e il governo non li proteggerà" rilevano i netizen dopo il rapimento.