chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

· dicembre, 2017

articoli mini-profilo di Medio Oriente & Nord Africa da dicembre, 2017

30 dicembre 2017

Iraq: Hayv Kahraman e la sua mostra di ventagli che evocano antichi ricordi

Il nuovo lavoro artistico di Kaharama è un' esplorazione magistrale delle questioni di identità, difficoltà personale e coscienza umana.

29 dicembre 2017

Le molestie sessuali e la piaga delle spose bambine continuano ad affliggere l'Egitto

"Le molestie sessuali sono un problema serio in Egitto. Diversi studi dimostrano che moltissime donne sono vittime di molestie e il problema ha radici profonde".

27 dicembre 2017

In memoria di Aleppo

The Bridge

Sul muro di un cimitero, una volta abbiamo scritto: "Siamo vivi e rimaniamo; restiamo per realizzare un sogno."

22 dicembre 2017

Il graphic journalism e i fumettisti creano narrazioni alternative della realtà in Siria

I fumetti posso aiutare ad affrontare temi seri e difficili. Così che il fumettista diventa lui stesso parte della storia, come narratore e anche personaggio.

18 dicembre 2017

Siriana e libanese: una riflessione sul conflitto di identità

The Bridge

"Essere metà libanese e metà siriana equivale ad essere un bambino di genitori separati che ti odiano entrambi perché ciascuna tua metà ricorda l'altra metà..."

Nabeel Rajab, noto difensore dei diritti umani detenuto in Bahrein, rischia altri 15 anni di carcere

Advox

Rajab si trova in prigione per le sue attività a difesa dei diritti umani e per aver espresso liberamente le sue opinioni.

15 dicembre 2017

Un ‘Detenuto di tutte le epoche': l'importante caso dell'attivista egiziano Alaa Abdelfattah

"Il suo processo è un tentativo di mettere a tacere le critiche a un sistema giudiziario che è diventato fonte di violazione dei diritti umani."

3 dicembre 2017

Mentre il governo siriano celebra le sue vittorie militari, la paura attanaglia ancora i cittadini di Damasco

"Cercano negli archivi che hanno salvato sui loro computer. Se trovano il tuo nome, ti mandano in uno dei fronti aperti."