chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

· agosto, 2018

articoli mini-profilo di Medio Oriente & Nord Africa da agosto, 2018

Iran: la morte di un ragazzino di 12 anni mette a nudo la situazione della minoranza Ahwazi

Il suicidio di Meysam è l'ultimo a colpire la comunità araba Ahwazi, minoranza residente nel sud petrolifero dell'Iran che subisce difficoltà e discriminazione dalle autorità.

Pronomi in inglese: come vengono insegnati nel mondo?

Nel mondo, quasi un miliardo di persone studiano l'inglese come lingua straniera; e tutti loro incontrano i pronomi maschili e femminili dalle primissime lezioni.

Dopo anni di silenzio e negazione, il regime di Assad fornisce i certificati di morte dei prigionieri ‘scomparsi’

Dal luglio 2018, il governo sta rinnovando i certificati anagrafici nazionali, dove adesso moltissimi tra i prigionieri 'scomparsi' risultano come morti molti anni fa.

Una giovane vedova siriana da Ghouta Est parla del suo spostamento forzato

"Ricordatevi la mia storia. Mi chiamo Safa, 30 anni, forzata a lasciare casa con i miei tre figli. E ora sono sola, triste e stanca."

Iran: le autorità arrestano le ‘celebrità di Instagram’, per stringere il controllo sui social media

Le autorità iraniane annunciano di voler filtrare Instagram per crimini delle "celebrità di Instagram". Qualche giorno dopo, l'emittente statale annuncia l'arresto di alcune di esse.

Perché i rifugiati presenti in Libano temono di ritornare nella Siria controllata da Assad?

I rifugiati siriani in Libano temono rappresaglie dal regime di Assad sottoforma di sfratti, leva obbligatoria, tortura e anche peggio.

Netizen Report: il regno di Erdogan continua, i giornalisti restano sotto attacco e i traduttori saranno i prossimi?

Il Netizen Report di Advox offre uno spaccato internazionale sulle sfide, vittorie e tendenze emergenti nei diritti di internet a livello mondiale.

I giordani danno una mano agli sfollati siriani nonostante l'ostinazione del governo a tenere le frontiere chiuse

Oltre 250 medici e infermieri sono accampati sul confine con la Giordania per aiutare i 400.000 siriani che potrebbero avere bisogno di assistenza medica.