articoli mini-profilo di Bahrain

Bahrain: manifestante adolescente colpito a morte

  14 ottobre 2011

Il Bahrain è scosso da un'altra ondata di proteste, esplose la scorsa settimana in seguito all'assassinio del sedicenne Ahmed Al-Qattan. Secondo le testimonianze dei netizen locali la responsabilità sarebbe delle forze di sicurezza, intervenute per disperdere una protesta nella parte occidentale della capitale, Manama.

Mondo arabo: “il 2011 sarà un anno davvero storico”

  5 maggio 2011

Siamo solo a maggio ma negli ultimi mesi una serie di importanti eventi ha colpito il mondo arabo. Dopo la notizia sulla morte di Osama Bin Laden, diversi utenti Twitter hanno commentato sulle vicende del 2011 accadute finora. Eccone una veloce panoramica.

Mondo arabo: c'è chi piange la morte di Osama Bin Laden

  3 maggio 2011

La notizia dell'uccisione del leader di Al Qaeda ha scatenato reazioni di vario tipo tra i netizen arabi, dalla gioia all'incredulità. Ecco una raccolta di tweet in qualche modo favorevoli a Osama Bin Laden, al quale sono state dedicate anche alcune pagine Facebook.

Bahrain: paranoia e telefoni cellulari

  28 aprile 2011

Il timore che i cellulari siano utilizzati come microfoni a distanza per sorvegliare le vite dei Bahreniti è fondato? Il blogger Mahomood Al-Yousif (arrestato [it] e subito rilasciato lo scorso marzo a Manama) affronta la questione in un post [en] proponendo un excursus sulle diverse tecniche di spionaggio telefonico, dal...

E su Twitter si compila il ‘Manuale del despota arabo'…

  24 marzo 2011

Le scuse avanzate dai Capi di Stato arabi di fronte alle proteste che interessano diversi Paesi di Medio Oriente e Nord Africa fin da dicembre 2010 vanno stimolando la fantasia di diversi utenti di Twitter, riunitisi virtualmente per compilare The Arab Tyrant Manual..

Bahrain: repressione brutale testimoniata in video

  21 marzo 2011

Mentre l'attenzione della comunità e dei media internazionali è tutta rivolta alla Libia, in Bahrain le forze di polizia governative stanno brutalmente sopprimendo le spontanee manifestazioni di protesta per la democrazia che si stanno svolgendo in queste settimane. Ma le immagini della repressione stanno facendo il giro del mondo grazie a video amatoriali e a riprese estemporanee fatte dei cittadini.