chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Corea: è battaglia aperta fra netizen e quotidiani

Tutto ha avuto inizio con le rimostranze e le proteste contro il commercio della carne bovina fra Stati Uniti e Corea del Sud. I coreani nutrivano timori sull'evoluzione delle trattative negli scambi USA-Corea e sull’appoggio incondizionato dei grandi media al governo in carica. Si pensava che le proteste illuminate dal chiarore delle candele durassero solo qualche giorno, invece stanno proseguendo da oltre 40 giorni e nuove persone vanno aggiungendosi ogni sera.

Di recente i principali quotidiani di orientamento conservatore, ‘Cho-Joong-Dong’ – abbreviazione dei nomi dei tre maggiori giornali nazionali – sono stati attaccati duramente dai netizen (gli attivisti della comunicazione su internet). I quali annunciano battaglia anche contro altre testate giornalistiche.

Su internet vengono diffuse campagne che invitano la gente a non abbonarsi a Cho-Joong-Dong, ad evitare i ristoranti abbonati a Cho-Joong-Dong, a non guardare la KBS — l’emittente pubblica nazionale —, ad abbonarsi invece a giornali alternativi di stampo progressista, a lasciare nel metrò gli altri quotidiani a beneficio di tutti i pendolari, a sostenere iniziative di elogio per le aziende che hanno scelto altre testate per le loro inserzioni, a protestare contro le aziende che usano Cho-Joong-Dong per i loro annunci e a non comprarne i prodotti. I netizen sono estremamente operosi nel condividere pubblicamente i metodi per promuovere queste campagne.

Sebbene i grandi media non diano grande peso a questo movimento, in alcune giornate la campagna ha prodotto un calo del 30% nell'acquisto di spazi pubblicitari sul quotidiano Chosun. L’attivismo dei netizen ha fatto sì che alcune società decidessero di annullare la pubblicità destinata ai giornali Cho-Joong-Dong, con tanto di scuse pubbliche per averla inserita in quei siti.

조선일보와 중앙일보, 동아일보의 광고기업들이 네티즌 항의에 따라 광고 철회를 알리는 내용이다.
…네티즌의 비판과 우려는 곧 우리 국민이 르까프를 아직도 애정이 담긴 시선으로 지켜보고 있다는 것으로 생각하고 겸허히 받아들이며, 회사영업에 다소 지장이 초래되더라고 국민정서를 고려하여 지적하신 언론매체 광고는 자제하기로 결정하였으며 이후 광고에 대해서는 신중을 기하도록 하겠습니다.” – 르까프 (http://www.lecaf.co.kr/)

“금일 주요 5대 일간지에 광고가 동시에 나가지 못해 고객님들의 정서에 부응해 드리지 못했던 점을 죄송스럽게 생각하며…” – 신선설농탕 (http://www.sinsunfood.co.kr/)

“신문광고로 고객님들께 심려를 끼쳐드려 죄송합니다. (중략) 고객님들의 질책대로 금일 이후 광고에는 신중을 기하겠으며…” – 농협목우촌 (http://www.moguchon.co.kr/)

Alcune aziende che hanno utilizzato i quotidiani Chosun, Joongang, e Dong-a per la pubblicità hanno annunciato il ritiro della stessa a seguito delle proteste dei netizen.

“…Riteniamo che le critiche e i timori rivolti a Lecaf da parte dei netizen siano la dimostrazione che la gente ci tiene a noi e si preoccupa. Sebbene influisca negativamente sul business, abbiamo a cuore l’opinione degli altri e abbiamo deciso di astenerci dal pubblicizzare i nostri prodotti sui media coinvolti. In futuro saremo più attenti nel collocare le nostre inserzioni”. –Lecaf

“Ci scusiamo per non aver colto il punto di vista dei nostri clienti mettendo gli annunci in cinque quotidiani contemporaneamente…” –Shinsun Food

“… Ci scusiamo con i nostri clienti per essere stati motivo di preoccupazione in merito alla pubblicità sui quotidiani […] Seguiremo le indicazioni della clientela e saremo più accorti nel destinare la pubblicità…” –Nonghyup

Perché i netizen se la prendono tanto contro Cho-Joong-Dong ?

[…]국민과 함께 하지 않는 대통령과 정치인들, 그리고 언론들은 결국 심판받을 수 밖에 없는 건 당연한 이치다. 조.중.동 등 한나라당 기관지로 치부되는 언론들이 쓰레기 취급을 받고 있다. 그건 이명박정부와 한나라당의 시녀노릇을 하고 있다는 이유 때문이다. 1년전만 하더라도 조.중.동은 노무현정부의 한미FTA강행과 소고기 수입문제에 대해 검역주권을 강조하고 요구했던 논조의 기사들을 게재했으나, 이명박정부로 권력이 바뀌자, 360도 기사내용이 바뀐 것이다. 이것은 결국 자신들의 권력에 아부하는 조.중.동이라는 언론들의 기회주의성과 이중성을 적나라하게 드러낸 것이다. 언론이란 국민과 민족을 대변하는 정론직필이 아니면 이미 그 존재가치가 없는 쓰레기에 불과하며 생명이 끝난 것이다. 또한 인터넷 시대에 있어 권력의 실체는 더 이상 언론들이 아니라, 정보를 공유하여 정확하고 객관적인 진실을 알아내고 주장하고 행동하는 네티즌들이 권력이다. 따라서 언론들이 더욱 국민과 민족을 대변하는 진실보도와 공정보도를 하지 않으면 대중은 외면한다는 의미가 된다[…]

[…] È il principio di mettere in discussione il presidente, i politici e i media che non stanno con la gente. I media, fra cui Cho-Joong-Dong che è considerato la voce ufficiale, vengono trattati una sorta di spazzatura, perché servono il governo di Lee e il Grand National Party (il partito conservatore). Anche un anno fa Cho-Joong-Dong ha pubblicato una serie di articoli per i quali dovremmo chiedere la quarantena, sull’importazione della carne bovina e il FTA (l’accordo di libero scambio) fra Stati Uniti e Corea. Ma una volta arrivati al governo di Lee, i delegati dei vari gruppi cambiano atteggiamento. Ciò conferma il loro opportunismo e il dualismo nel compiacere i potenti. Se i media non rappresentano la gente e non scrivono in maniera corretta non hanno più ragione d’esistere e sono solo spazzatura. Inoltre, nell’era digitale la comunicazione non è più esclusiva dei media tradizionali, bensì ampiamente utilizzato dai netizen che diffondono e condividono informazione via internet, cercando con insistenza la verità oggettiva. Quindi, se la gente non viene più rappresentata in modo adeguato dai media che propongono un’informazione di parte, la massa si rivolge altrove […].

Ha acquisito una certa fama questo commento di un netizen.

미래의 한국사 시험문제:2008년 시민혁명으로 폐간된 신문은? 정답: 조중동.[…]

Una possibile domanda all’esame di storia coreana proiettato nel futuro: quali quotidiani hanno cessato di esistere in seguito alla rivoluzione civile del 2008? Risposta: Cho-Joong-Dong.[…]

Va notata l’abilità dei netizen nell’utilizzo della tecnologia. Mostrano le proteste con le candele e gli scontri fisici fra dimostranti e polizia sul canale Afreeca (lo Youtube coreano), fino a ieri territorio del sistema radiotelevisivo. Utilizzano i cellulari e altri congegni per condividere le loro esperienze e le immagini vengono trasferite immediatamente su internet per essere viste da chi non è presente in quel momento.

Ecco la replica di un altro netizen:

새벽까지 인터넷 생방송을 지켜 보다가 저도 연일 이런 생활이 계속 되는 통에 피곤하다는 이름으로 ,,가만히 앉아서 피곤하다고..그냥 잠이 들고 말았네요.잠이 편하지 않습디다..꿈도 뒤숭숭하고..무언지 모를 압박감에 깊은 잠에 빠지지도 못하고..어젯밤 많은 분들이수건이며 쵸코파이며 따듯한 옷, 물이 필요하다고 하는데도 전 아무 것도 못하고 그냥 멍하니 화면만 바라 보다…그러다 잠 잔다가ㅗ무식한 돼지처럼 잠 자겠다고 그냥 잠이 들었네요……….. 정말 미안합니다. 미안합니다……..죄송합니다………고작 평범한 아줌마가 할 수 잇는 일들을 찾느라 이리 저리 조중동에 광고하는 회사이름 찾아 전화 돌리고…………홈페이지 찾아가 서명하고 글 쓰고..등등의 일련의 일들도 님들의 애씀 앞에선 그저 휴지보다 못한 일들이 되고 맙니다[…]

Ho seguito la trasmissione dal vivo, su internet, fino all’alba e poi con la scusa che era tardi mi sono addormentata. Ho avuto un sonno agitato e i miei sogni non si sono fatti rumorosi solo per via di una celata repressione. Malgrado tutte quelle persone che chiedevano più asciugamani, torte al cioccolato, abiti caldi e acqua, io guardavo sbalordita il video e mi sono addormentata come una troglodita incapace. Mi dispiace, davvero… Ma quantomeno una normale donna di mezza età può chiamare le aziende che fanno pubblicità su Cho-Joong-Dong… lasciare un commento sui loro siti… In confronto a quello che fate voi ragazzi, il mio contributo è poca roba [….]

Per contro, la Commissione per il commercio equo ha annunciato che intende riconsiderare l’emissione di regolamenti (Shinmoon Goshi) che consentano alle testate giornalistiche di offrire benefici e prodotti promozionali alla clientela malgrado il veto per i media più attivi. I maggiori quotidiani che dispongono di capitali, come il Cho-Joong-Dong, possono sopravvivere ma per le testate minori saranno tempi duri.

Korea: media vs. netizen

Non sembra certo una battaglia di breve durata.

1 commento

  • mi sà che dovremmo imparare qualcosa da sti coreani!
    metteremmo in ginocchio l?Italia ladrone in 5 giorni..troppo bello per essere vero.
    utilissimo il vostro sito per buttare un occhio sul mondo!

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.