chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Madagascar: blogger allertano su strage di balenotteri arenati

Uno “spiaggiamento di massa” di un centinaio di cetacei del genere Peponocephala Electra è stato segnalato a Antsohihy Mangrove Bay (a nord-ovest del Madagascar) durante la prima settimana di giugno.
Il blog Harinjaka e l’ONG Fanamby sono stati i primi a pubblicare notizie (fr) e foto (mg) di questo disastro ecologico.

whale beaching

Le cause dell'episodio sono tuttora sotto indagine, mentre la popolazione locale e il Ministero hanno cercato di salvare i pochi cetacei sopravvissuti.

whales

Le ipotesi discusse dagli esperti vanno da un’infezione virale o di funghi, fino all’uso di sonar a bassa frequenza da parte dell'esercito e delle compagnie d’esplorazione petrolifera per test e ricerche in alto mare.

Fanamby è un'associazione malgascia di protezione ambientale che orienta le sue attività sullo sviluppo d’iniziative private e l’uso delle nuove tecnologie. Harinjaka, che lavora per Fanamby, è co-fondatore di Foko-Madagascar , e scrive per il sito d’informazione collaborativa ”The Observers of France 24” (en, fr), ha risposto ad alcune domande su questo triste evento (intervista condotta in francese).

Quando e come avete saputo dello ‘spiaggiamento’ dei cetacei?

Fanamby è stato contattato da un operatore turistico che si trovava nin quell'area con un gruppo di turisti 3 giugno scorso. Alcuni di questi hanno fotografato i delfini arenati per sensibilizzare altre agenzie sull’urgenza della situazione. La mangrovia dove i delfini sono stati bloccati si trova a circa 600 km dalla capitale. L'accessibilità non è stata il problema principale, ma ci serviva maggior competenza tecnica e manodopera per salvare le balene superstiti.

Domanda: Qual è la spiegazione la più plausibile?

H: Attualmente ci sono solo delle ipotesi, ma a prescindere da una malattia sconosciuta, i locali ricordano che una nave cisterna dell’Exxon-Mobil ha lasciato il porto di Antsohihy il 3 giugno. L’indomani, 40 cetacei sono stati trovati arenati, e personalmente, ne ho visti molti di più il giorno successivo. Questa è solo una pista per il momento, ma un quotidiano nazionale ha confermato la presenza della nave in queste acque.

whales 2

La reazione della popolazione locale è stata in un primo momento molto singolare: com'è andata?

Sì, quando gli abitanti del villaggio hanno visto che i turisti fotografavano la strage, non ne sono rimasti affatto contenti e hanno chiesto loro di rimuovere gli animali morti. È probabile che ritenessero questi stranieri responsabili dello spiaggiamento. Inoltre, è anche strano che gli esperti chiamati a identificare la specie non ne abbiano trovato menzione nel catalogo della fauna conosciuta a Madagascar. È stato solo più tardi che le “balene” sono state identificate correttamente come peponocefali, [Peponocephala Electra o delfini d’Electra o balene Testa di Melone]

Quale lezione possiamo trarre da questa catastrofe?

I Malgasci hanno un rapporto speciale con i delfini. Non li cacciamo e non li mangiamo perchè nella nostra tradizione si narrano molte storie di pescatori salvati in mare proprio di delfini. Vorrei anzi lanciare un appello: ci serve un maggior numero di mezzi e attrezzature per rispondere più velocemente a disastri naturali come questo, ed altre minacce alla nostra biodiversità.

(Tutte le fotografie sono di Harinjaka. Nell'intervista sono state integrate le testimonianze di altri presenti).

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.