chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Arabia Saudita: Il sacco nero dell'immondizia

L'americana Sabra vive in Arabia Saudita… e, quando si tratta di coprirsi da capo a piedi per uscire di casa, deve fare come le donne saudite.

Rispetto all’abaya, cioè il velo indossato dalle donne arabe, Sabra scrive:

Indosso l'abaya quando occasionalmente esco dal condominio per fare la spesa – che è assolutamente l'UNICA forma di shopping che faccio qui [l'ho dovuto indossare una o due settimane fa, quando sono andata in centro per comprare delle vernici]. Non lo considero una “prigione”, ma sicuramente non lo reputo una bella cosa, lo chiamo “il sacco nero dell'immondizia”. È un ridicolo articolo di abbigliamento che le donne sono costrette ad indossare perchè così viene loro imposto da una società controllata da uomini con smanie di potere, i cui sguardi lussuriosi dimostrano la loro totale mancanza di autocontrollo.

E rimanendo in tema di uomini libidinosi, Sabra racconta ai suoi lettori questo divertente episodio:

Ieri pomeriggio è venuto a trovarci Lee, un amico di DH. Con altri tre amici, era andato alla piscina “per famiglie” del condominio [c'è una piscina per soli uomini, una per sole donne ed una “per famiglie”, dove possono andare sia uomini che donne]. Lee ha raccontato di come ci fosse una giovane ragazza occidentale che prendeva il sole coperta solo da un classico bikini – cosa, tra l'altro, NON permessa nella piscina per famiglie, ma solo in quella per donne – quando un saudita di mezza età è uscito dagli spogliatoi e, mentre camminava, non riuscendo distogliere lo “sguardo lussurioso” dalla ragazza, è finito addosso ad una panchina per poi capitolare a terra. Lee racconta di come né lui né i suoi amici siano riusciti a trattenere le risate per lo spettacolo messo in piedi dall'uomo – il quale però non si è fatto nulla, solo qualche sbucciatura per aver sbattuto sul pavimento in cemento. Ma scommetto che ha perso un po’ della sua baldanza, e se non l'ha fatto, avrebbe dovuto. La morale, ovviamente, è che avrebbe dovuto guardare dove metteva i piedi e non l'ha fatto; la vista di una giovane ragazza NON impacchettata nel sacco nero dell'immondizia era troppo per lui…

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.