chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Palestina: terrorismo o follia omicida ?

Solo gli arabi sono terroristi… è il titolo principale sul blog Live from Occupied Palestine. Il blogger si riferisce ai titoli apparsi sulle prime pagine delle testate israeliane e straniere dopo che Husam Taysir Dwayat, un palestinese residente a Gerusalemme, si è lanciato ad alta velocità con un bulldozer nel mezzo di una strada affollata di Gerusalemme Ovest, uccidendo tre persone e ferendone almeno 66. Il folle gesto di Dwayat ha avuto termine solo quando un soldato israeliano fuori servizio gli ha sparato, uccidendolo.

Tra i titoli principali seguiti all'insano gesto di Dwayat troviamo “Follia terrorista con bulldozer a Gerusalemme” [in]. I giornali hanno enfatizzato una precedente relazione di Dwayat con una donna ebrea con titoli come “L'omicida di Gerusalemme aveva una ex-fidanzata ebrea” [in]. Alcuni articoli [in] sostengono persino che Dwayat abbia gridato “Dio è grande!”.

Live from occupied palestine si interroga sul perchè Dwayat venga definito un terrorista:

So if Dwayat’s murderous act was not politically motivated, if he was not acting as part of a “sub national groups or clandestine agents”, why is he being labeled by the Israeli media, politicians and other state officials “a terrorist”? Why if he acted alone, in what Israeli security forces and police believe to be an unpremeditated act, is Dwayat being marked as a terrorist?

The answer is, of course, simple. Dwayat was a Palestinian Arab, so quid pro quo, he must be a terrorist. This fact and this fact alone is the reason for him being labeled a terrorist.

Ma se l'atto omicida di Dwayat non era stato provocato da motivi politici, se non ha agito per conto di “gruppi paramilitari nazionali, nè di agenti stranieri”, perchè viene chiamato “terrorista” dai media, dai politici e da altre figure pubbliche israeliane? Perchè se ha agito da solo, e le forze di sicurezza israeliane e la polizia ritengono che il gesto non fosse premeditato, viene chiamato terrorista?

La risposta è, ovviamente, semplice. Dwayat era un arabo palestinese e quid pro quo, doveva essere un terrorista. Questo e soltanto questo è il motivo per cui viene definito terrorista.

Anche DesertPeace presta attenzione ai titoli dei giornali, commentando quelli che si concentrano sulla relazione di Dwayat con una donna ebrea:

Truly an earth shattering revelation…. Used to be “All the news that fits, we print”…. Now it’s “All the news that sells, we print”.

Well, I for one ain’t buying!

Veramente una rivelazione sconvolgente… Prima si diceva “se è importante, lo stampiamo”… Ora si è passati al “se fa vendere, lo stampiamo”.

Beh, io non la bevo!

Will, di KABOBfest, considera un altro punto di vista, il simbolismo del bulldozer in Israele e Palestina:

By killing three Israeli civilians, these acts of murder represent an ironic tragedy. While the shedding of no civilian blood is ever justified, how we talk about such acts is important. Rather than framing it as an isolated incident or as one more heedless Palestinian attack, we should really examine why construction equipment has become a tool of death and destruction in Israel-Palestine. For Palestinian, the bulldozer is a symbol of Israeli aggression. One assault with a bulldozer by a Palestinian does not change that. It only reminds us of the urgent need for a just peace.

L'uccisione di questi tre civili israeliani rappresenta una tragica ironia. Mentre lo spargimento del sangue di civili non può mai essere giustificato, è importante il modo in cui si parla di fatti simili. Più che inquadrarlo come un incidente isolato, o l'ennesimo sconsiderato attacco palestinese, dovremmo analizzare il perchè mezzi per l'edilizia siano diventati uno strumento di morte e distruzione in Israele e Palestina. Per i palestinesi, il bulldozer è un simbolo dell'aggressione israeliana. E un attacco con un bulldozer da parte di un palestinese non cambierà questa visione delle cose. Servirà soltanto a ricordarci dell'urgente bisogno di una pace giusta.

Rima Abdelkader, nel suo blog Arabisto.com, aiuta i lettori a capire l'incidente spiegando che:

Another important fact left out in Wednesday’s coverage is that bulldozers, specifically Caterpillar, are in some cases used to demolish Palestinian homes. One even killed American peace activist Rachel Corrie in March 2003 who risked her life to protest against the demolitions. This bit of information is significant in discussing Wednesday’s turn of events since the attacker used a Caterpillar bulldozer to kill innocent civilians.

Altro elemento importante tralasciato dalla copertura mediatica dei fatti di mercoledì è che quei bulldozer, ed in particolare i Caterpillar, sono in alcuni casi utilizzati per demolire case palestinesi. Uno ha persino ucciso la militante pacifista americana Rachel Corrie nel marzo del 2003. Questa piccola informazione è importante per la discussione degli eventi di mercoledì, poiché l'omicida ha usato un Caterpillar per uccidere.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.