chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Speciale India: attentati terroristici e accordo sul nucleare

Nei giorni scorsi l'India è stata teatro di violenti attentati, tra la folla di Bangalore e Ahmedabad, con decine di morti e centinaia di feriti. Mentre il Paese è in lutto, ci s'interroga sui responsabili e le motivazioni delle bombe, oltre che sulle colpe dei servizi di sicurezza. Senza dimenticare i problemi dell'intera regione, incluso il recente accordo per il nucleare con gli USA – questione spinosa per la traballante maggioranza governativa, affetta altresì da perenne corruzione.
Entrambi eventi su cui, ancora una volta, sono stati i cittadini-reporter a dare le prime notizie, particolarmente sugli attentati, e a rilanciare il dibattito pubblico.
Il nostro speciale vuole fornire uno spaccato, immediato e senza filtro, dell'intricato scenario attuale – proponendo la traduzione di vari post apparsi su Global Voices, inclusa una scelta dei commenti in calce. Una serie di finestre atte ad amplificare le voci e le opinioni di cittadini interessati e partecipi di eventi la cui portata va ben oltre i confini del subcontinente indiano.

Questi gli articoli disponibili:

  • Voto di fiducia e accordo sul nucleare
  • Bombe a Bangalore
  • Monta il dibattito sull'accordo nucleare con gli USA
  • Altri attentati ad Ahmedabad
  • Commenti all'accordo sul nucleare e agli attentati
  • avvia la conversazione

    login autori login »

    linee-guida

    • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
    • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.