chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Capo Verde: aumentano i prezzi del carburante – perché?

Capo Verde: aumentano i prezzi del carburante - perché?Sul suo blog, Neu Lopes [pt] si chiede perché a Capo Verde [it] il prezzo del carburante continui a crescere. Con i recenti aggiustamenti si è assistito ad un incremento del 21% del petrolio, del 15% della benzina, 10% del gasolio per auto e del 5% del gas; la popolazione ora si attende un effetto domino sui prezzi di tutti gli altri beni, considerando che vi sono aumenti già annunciati del trasporto, energia e acqua. Tutto ciò mentre il prezzo del greggio è in netto calo:

Segundo a ARE (Agência de Regulação Económica), “o lote importado que serve de base a esta tabela de preços foi adquirido quando os valores estavam ainda em alta”. Pergunto agora: se os valores estivessem baixos quando foi adquirido o referido lote, qual a garantia que os preços não ficariam mais elevados caso o contexto internacional fosse o contrário do actual? De qualquer forma os bolsos dos cabo-verdianos é que pagam tudo isso.

Secondo l’ARE (Economic Regulatory Agency, pt), “il petrolio importato, riferimento per i prezzi del greggio, fu acquistato quando questi erano ancora alti”. Ora mi chiedo: se al momento dell'acquisto di tale greggio i prezzi fossero stati bassi, cosa garantisce che non sarebbero stati alzati, se il contesto internazionale non fosse stato l'esatto contrario di quello di oggi? In ogni caso, saranno le tasche dei Capoverdiani a pagare.

Ludgerocv [pt] pone ulteriori domande:

Perco as estribeiras quando a ARE, em vez de fixar PREÇOS MÁXIMOS, apresenta preços obrigatórios. Onde diabo estamos nós? A ARE deu agora para patrocinar a formação de CARTEL? As duas petrolíferas compram os combustíveis ao mesmo preço, na mesma ocasião, os lotes chegam na mesma altura, têm as mesmas despesas, etc.? Como é que diante de uma importação de uma das petrolíferas, se obtêm dados para fixar preços de venda ao público válidos para ambas?

Sono andato su tutte le furie quando l'ARE, anziché fissare dei prezzi massimi, ha deciso di imporli. Cosa diavolo sta succedendo? L'ARE sta mica sponsorizzando la formazione di un Cartello? I due fornitori hanno forse acquistato il carburante allo stesso prezzo, nello stesso momento, le petroliere sono arrivate lo stesso giorno, hanno sostenuto gli stessi costi, e così via? Com'è possibile che dall'importazione di uno solo degli importatori sono stati ricavati i dati per determinare i prezzi al dettaglio di entrambi?

Pubblicando un articolo sulle proteste avvenute in Portogallo contro l'aumento del costo della vita, Redy Wilson Lima [pt] sostiene che è giunta l'ora per la popolazione di Capo Verde di opporsi all'aumento dei prezzi:

Não chegou a hora de passarmos à acção também em Cabo Verde invés de muitos bla, bla, bla? É que se continuarmos conformados, o Estado nunca parará de nos kasu bodiar.

Non è forse ora che a Capo Verde iniziamo a fare qualcosa anziché limitarci alle solite chiacchiere? Se continuiamo a rassegnarci, lo Stato non smetterà mai di derubarci.

All'inzio del mese Nos Praia [pt] ha sollecitato il Governo per una soluzione a lungo termine: a Capo Verde è necessario trovare alternative onde diminuire la dipendenza dal petrolio:

Vivemos num país extremamente pobre e que depende em larga escala da conjuntua externa pasa o se sustento. A nossa produção é “caseira” e tudo que comemos e bebemos vem de fora. Portanto, caros governantes, não obstante a especificidade do país e da economia mundial, é necessário criar alternativas à dependencia do petróleo. Não precisamos inventar a roda. Existem exemplos espalhados pelo mundo e basta sermos perspicazes para resolvermos os problemas desta terra.

Viviamo in un Paese estremamente povero, che per il proprio fabbisogno dipende pesantemente dalla situazione internazionale. La nostra produzione è “casalinga” e tutto ciò che consumiamo arriva dall'esterno. Quindi, cari leader, nonostante la particolarità del Paese e l'economia mondiale, è necessario creare delle alternative alla dipendenza da petrolio. Non bisogna re-inventare la ruota. Ci sono sufficienti esempi nel mondo e dobbiamo solo usare un po’ d'intelligenza per risolvere i problemi di questa terra.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.