chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Caraibi: ricordo di Alton Ellis, il “Padrino del Rocksteady”

Il musicista giamaicano Alton Ellis, scomparso di recente
“Alton Ellis”, foto di Eric Oliviera su Flickr, usata per gentile concessione dell'autore

Alton Ellis [in], il musicista giamaicano già pioniere della musica rocksteady [it] negli anni '60, è scomparso [in] lo scorso venerdì 10 ottobre, dopo aver lottato per un anno contro il cancro. Come riportato dal il blog Jamaica Gleaner, anche se Ellis non aveva mai avuto un successo internazionale – a differenza dei suoi quasi contemporanei Bob Marley e Jimmy Cliff – il “padrino del rocksteady” ha influenzato parecchia la successiva generazione di musicisti giamaicani, ed è da tempo considerato una leggenda della musica giamaicana.

Col diffondersi della notizia della sua morte durante il fine settimana, molti esponenti della scena musicale giamaicana hanno reso omaggio [in] al suo talento, alla sua voce e personalità. Anche la blogosfera caraibica ha partecipato alla commemorazione. Geoffrey Philp, nel suo blog dedicato alla letteratura, scrive: “Abbiamo perso un grande pioniere” [in].

… l'assoluta innocenza e l'ottimismo della musica di Ellis mi ricorda un'epoca in cui l'isola non era governata dalla paura di qualche sparatoria, e si poteva camminare per strada canticchiando “I'm Just a Guy”, o perfino dedicarla a una dawta [figlia, ragazza, in inglese giamaicano]. Era una canzone scritta nella nostra lingua, che non si vergognava di suscitare o esprimere certe emozioni.

Philp pubblica il link a un video su YouTube dove Ellis esegue uno dei suoi brani più famosi: “I'm Still in Love”. Anche Afrobella ha esplorato gli archivi di YouTube [in] trovando l'esecuzione dal vivo di “I'm Just a Guy” e “Girl I've Got a Date”. La blogger ha poi commentato:

Il mio brano preferito è “I'm just a Guy”. Vi si trovano sentimenti che, nella maggior parte dei casi, sono scomparsi dalla musica contemporanea: umiltà, romanticismo, sincero bisogno d'amore… Spero anche voi possiate provare la freschezza di questa canzone.

Afrobella ha anche inviato un messaggio [in] su Twitter rivolto ai fan della musica giamaicana contemporanea:

Per chi non lo sapesse, era Anton Ellis che cantava la versione originale di “I'm Still in Love W U”, poi rifatta da Sean Paul.

Il blog Lowrie-Chin Post aggiunge [in]: “Con i quei testi e quella voce così espressivi Alton Ellis dava sapore alle nostre vite”. E Antilles, il blog della Caribbean Review of Books, fa notare [in] una certa confusione sull'effettiva data di nascita di Ellis, e rimanda all'annuncio pubblicato sul sito della Trojan Records. Intanto YardFlex riferisce [in] una voce di corridoio per cui a Ellis verrano riservati i funerali di Stato in Giamaica.

Stunner's Afflictions pubblica un semplice messaggio di tributo [in]. “Con la sua musica delicata, Alton Ellis riusciva a far ballare tanto i giovani quanto gli anziani”, scrive il blogger. “Era uno dei preferiti del pubblico… questa grande icona della musica giamaicana ci mancherà parecchio”.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.