chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Pakistan: il Presidente Zardari flirta, e la blogosfera reagisce

Il Presidente del Pakistan Asif Ali Zardari ha incontrato [in] recentemente a New York la candidata alla vicepresidenza USA Sarah Palin, usando parole civettuole durante la conversazione. Sembrava più un corteggiamento che un incontro politico. Ecco alcuni dei commenti di Zardari:

“Lei è ancora più splendida dal vivo…”
“Ora capisco perché tutta l'America impazzisce per lei”

Quando un fotografo ha chiesto di stringersi la mano per la seconda volta, Zardari ha candidamente risposto:

“Se insiste, potrei abbracciarla…”

La blogosfera pakistana ha risposto a tutto ciò in modo critico; alcuni ci hanno scherzato su, altri l'hanno presa molto seriamente. Vediamo alcune reazioni:

Altaf Khan su Pakistani Spectator [in] scrive:

Subito dopo aver mostrato profondo lutto (con volto cinereo) per l'assassinio della sua ultima moglia Benazir Bhutto, Asif Ali Zardari ha incontrato la bella Governatrice dell'Alaska, nonchè candidata repubblicana alla vicepresidenza, e per due volte ha fatto apprezzamenti sul suo meraviglioso aspetto. Sexy e sfavillante Palin era estatica; adesso però i democratici la dipingono come una bambola Barbie per i Presidenti stranieri e gli opinionisti politici hanno un altro argomento su cui fiondarsi […]

Su Chowrangi [in] Shakir Lakhani segnala che l'atteggiamento del Presidente si pone contro i principi dell'Islam:

Mi meraviglio che il Presidente di una Repubblica Islamica possa anche solo pensare di abbracciare una donna con cui non è strettamente imparentato. Ma il signor Zardari ha perfino detto che l'avrebbe abbracciata qualora l'assistente avesse insistito (l'assistente gli aveva solo chiesto di stringerle nuovamente la mano). […]

Su Teeth Maestro [in] il Dottor Awab Alvi fa notare:

Sembra che sia stata una conversazione perfettamente sceneggiata [in], come aveva previsto Temporal, prima che avvenisse l'effettivo incontro tra Sarah Palin e Asif Zardari. Forse c'è qualche fanatico in Pakistan che potrebbe rabbrividire al vederlo stringere la mano di una donna, ma qualunque obiezione si faccia e che ci piaccia o meno, ciò è diventato una routine nelle relazioni occidentali e potrei anche suggerire che tali commenti civettuoli rientrano nella norma, ma mi azzardo a dire che almeno non avvengano davanti alla telecamera. È alquanto probabile che Sarah Palin li abbia considerati dei complimenti, ma chi ha seguito il servizio video della conversazione, avrà notato il suo leggero imbarazzo.

Adnan Siddiqi [in] si è mostrato tutt'altro che gentile nei confronti di Zardari:

Dobbiamo ringraziare Zardari per come ha rappresentato la nazione pakistana e soprattutto gli uomini pakistani di fronte agli americani. Ieri, quando Zardari ha incontrato Sarah Palin, non ha saputo controllarsi e ha mostrato tutti i denti (non sono sicuro che siano veri, perché ho sentito che glieli avevano tirati tutti durante la prigionia) e ha espresso affetto nel tipico stile degli uomini pakistani. […]

Durante l'intero l'incontro, Zardari non si è mostrato afflitto per la morte di BiBi [it] come ha sempre pianto in ogni conferenza stampa tenuta in Pakistan.

Sul mio blog ho illustrato [in] l'incontro e la vita “flirtante” del Presidente Zardari in un video umoristico. Qui invece il video con la cronaca originale [ur].

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.