chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Aggiornamento sulla situazione a Goma (RDC)

Una settimana dopo quanto già descritto sulla crisi nell'area di Goma, l‘emergenza rimane ancora grave. Segnala l’Unicef: “Se la situazione a Goma resta calma, seppur tesa, a Rutshuru i combattimenti sono ripresi violenti nella giornata di martedì 4 novembre, con duri scontri tra le milizie locali Mai-Mai e le truppe ribelli del CNDP di Laurent Nkunda: si teme che 37 bambini arruolati la scorsa settimana – 36 dei quali proprio dai Mai-Mai – siano stati usati in combattimento“.

Max Hadorn [in], capo delegazione della Croce rossa in Congo, afferma che

La situazione umanitaria è drammatica – nei campi di Kibati ho visto persone in condizioni di grave emergenza, tra cui tante donne, bambini e persone anziane.

E il Daily Nation [in], quotidiano kenyota, pubblica le dichiarazioni del leader dei ribelli, Nkunda, che minaccia di portare i combattimenti a ovest di Kinshasa, la capitale, se il governo rifiutasse di aprire un dialogo sul futuro del Paese.
Incurante degli interventi internazionali per mettere fine al conflitto nella Repubblica Democratica del Congo, Nkuda respinge le denunce nei suoi confronti mosse dai gruppi umanitari dicendo che “se ne frega della ICC” [la Corte Penale Internazionale]. “Non ho fatto del male alla mia gente … nessuno può rimproverarmi di nulla”, ha dichiarato il capo dei ribelli, fisico asciutto e un paio d’occhiali, nell’intervista rilasciata nel suo quartier generale in cima a una collina nella provincia di Nord-Kivu.
“Se rifiutano di negoziare significa che sono disposti a combattere e noi li combatteremo perché dobbiamo difendere la nostra libertà”, ha detto Nkunda, circondato da un paesaggio collinare verdeggiante che è valso a Nord-Kivyu il soprannome di “Svizzera dell’Africa”.

2 commenti

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.