chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Medio Oriente: rabbia e sconcerto per gli attacchi a Mumbai

Fra lo sconcerto e la rabbia, pronta la reazione dei blogger medio-orientali alla notizia degli attacchi terroristici a Mumbai.

Il blogger israeliano Yael [in] riferisce che le notizie “sono andate peggiorando” mano a mano che l'episodio andava manifestandosi in tutta la sua portata.

E aggiunge:

È semplicemente spaventoso. Abbiamo aggettivi come malvagio e perverso, ma ci manca il lessico per descrivere l'efferatezza di simili atti, dove terroristi senza cuore cercano di uccidere il maggior numero possibile di civili innocenti. Noi che abbiamo vissuto in prima persona attacchi terroristici e attentati suicidi contro la popolazione civile, siamo vicini nel dolore alle famiglie e agli amici delle vittime. Il nostro sentimento si estende all'intera popolazione indiana con cui condividiamo l'orrore dinanzi a questi atti brutali. Stasera il mio cuore è a Mumbai, accanto alla sua gente.

Dall'Egitto scrive Zeinobia:

Provo rabbia e tristezza di fronte a eventi così terrificanti perché so che è morta gente innocente senza alcuna ragione, e so che anche il mio Paese può trovarsi a vivere le stesse terribili situazioni.

Zeinobia segue l'evolversi degli attacchi terroristici, commentando:

# Si tratta di azioni ben orchestrate che vanno pianificate nel dettaglio.
# Per mettere a segno un'operazione del genere senza errori, occorre gente assai ben addestrata: di certo sono più di undici le persone coinvolte. E queste non le addestri sulle montagne, garantito.
# Per concertare l'azione di più gruppi operanti in luoghi diversi e sfuggire alle intercettazioni serve una rete di telecomunicazioni assai sofisticata. Guardate qui la mappa interattiva della CNN
# Bisogna avere una gran quantità di informazioni per saper scegliere con precisione tempi e luoghi adeguati.

Conclude poi Zeinobia:

Solo un apparato militare può fare un lavoro così sporco, non basta un'ignota Banda Bassotti qualunque!!

Dalla Palestina, The Angry Arab's Comment Section [in], pubblica un link per ulteriori informazioni sull'episodio – e prontamente un lettore condanna gli attacchi.

Scrive Moyhabin:

Tutto ciò è abominevole.

Da Israele New York un blogger ebreo, Life-of-Rubin [in], aveva inizialmente riferito che fra i dispersi a Mumbai poteva esserci anche un Rabbino. Più tardi il blogger ha aggiornato il post, definendo la situazione in “rapida evoluzione.”

Sugli attacchi terroristici, rilancia così ChaimRubin:

Dall'India stasera giungono notizie terribili dopo un feroce attacco terroristico, il peggiore nella storia del Paese.

Continuate a seguire lo Speciale di Global Voices sugli attacchi terroristici, incluse ulteriori reazioni dal Medio-Oriente e dal resto del mondo.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.