chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Pakistan: reazioni all'esplosione di Peshawar via Twitter e blogger

Il 5 dicembre scorso Peshawar [it], capoluogo della provinicia nord-orientale del Pakistan, è stata colpita [in] da un'esplosione di grande intensità causata da un'autobomba. La vettura, parcheggiata vicino a un edificio pubblico, era imbottita di almeno 30-40 Kg di materiale esplosivo. Non si è trattato di un attacco suicida poiché all'interno dell'automobile non si trovava nessuno. Gli ultimi rapporti della Polizia hanno confermato la morte di 21 persone e il ferimento di altre 90 persone [Aggiornamento [in]: al 7 dicembre, i morti confermati sono 27 e i feriti 100].

Nel suo post “Peshawar Bleeds” [Peshawar sanguina] Ayesha scrive [in]:

Quante esplosioni e quante morti ancora dovrà sopportare questa città?

Koocha Risaldar e Kissa Khawni sono zone popolari e trafficate. L'esplosione si è verificata quando molta gente era in giro a far compere – anche in vista della festività islamica dell’Eid [it]. Nonostante l'esplosione sia avvenuta nei pressi dell'Imam Bargah, credo che non fosse lui l'obiettivo.

La situazione è peggiorata quando è venuta a mancare l'elettricità nella zona e da un condotto del gas è scoppiato un enorme incendio dovuto all'esplosione. Magazzini e negozi nei dintorni sono stati travolti dalle fiamme. Alcune fonti sostengono che potrebbe trattarsi di una reazione ai recenti attacchi terroristici di Mumbai, mentre i media e i canali d'informazione pakistani hanno dato il via alle ormai tradizionali accuse per cui nell'attentanto sarebbe coinvolta la RAW, l'intelligence indiana. Anche il Ministro a capo della NWFP [North-West Frontier Province (it)] ha accennato alla possibilità che dietro l'attacco ci sia una mano straniera.

Video [in] gentilmente concesso dall'utente di Youtube Kabirrind[in].

I blogger pakistani non hanno reagito subito alla notizia, probabilmente a causa del week-end, o delle festività del Hajj [it] e del Eid ul Adha [it]. Alcuni hanno tuttavia continuato a diffondere notizie tramite Twitter. Per gli ultimi aggiornamenti su questo tragico evento, vedere qui [in] oppure sul mio canale [in]. Inoltre il mio blog Guppu.com [in] ospita una breve rassegna-stampa sull'evento.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.