chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Cina: Carta 08, per essere liberi e senza paura

Alla vigilia del 60. anniversario dalla promulgazione della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il 10 dicembre scorso, 303 illustri intellettuali e attivisti per i diritti umani cinesi hanno diffuso la Carta 08, chiedendo maggiori riforme politiche in Cina. Il governo ha tuttavia deciso di festeggiare la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani reprimendo quest'atto pacifico e ragionevole. Un certo numero di intellettuali, alcuni avvocati e attivisti impegnati nella difesa dei diritti umani, sono stati arrestati per ulteriori indagini. Uno di essi, Liu Xiaobo, è tuttora in stato di detenzione.

Una dichiarazione di tradimento?

Per quale motivo il governo cinese ha deciso di reprimere l'iniziativa della Carta? Ovviamente non c'è alcuna spiegazione ufficiale, eccetto il solito cliché per cui Liu Xiaobo sarebbe una minaccia alla sicurezza nazionale. Diamo un'occhiata allora alle opinioni pro-governative apparse in rete per ricostruire il filo logico delle autorità. Sima Nan ha definito la Carta la dichiarazione della rivoluzione cinese colorata (si veda su Wikipedia italiana la definizione di Rivoluzioni colorate [it]):

“中国颜色革命宣言”后签名的人,不少都是一侧颈椎增生扭脸右转死猪不怕开水烫的老面孔。那位林培瑞先生,大家也并很不陌生。早在1989年,他机智地一手策划了方某人的外逃;长期以来,他慷慨地出钱豢养着一批所谓的“民运”人士。当然,出钱的领钱的心里都明镜一般,无论策划逃人,还是出钱养人,均非林老一己之力所能为之,其后悉有庞大的后援支撑,无非年度计划必须完成,无非请人形象代言。

Coloro che hanno sottoscritto la ” Dichiarazione della Rivoluzione Cinese Colorata” sono i soliti porci intransigenti. Il Signor Perry Lin per molti di voi non è una faccia nuova. Nel 1989 ha pianificato la fuga di una certa persona. Da lungo tempo sponsorizza un gruppo di persone che sostengono il cosiddetto movimento democratico. Si sa che ovviamente non è Lin a sborsare quelle grosse cifre. Hanno un forte supporto, hanno solo bisogno di un nome di facciata per amministrare il denaro.

Wu Yu definisce la Carta 08 la Carta dei Traditori [cin]:

昨天在司马南先生的文章里看到了《零八宪章》的中文全文和英文译文,这个以美国普世价值观做意识形态凝聚力的《零八宪章》就是一个卖国汉奸思想导向。因为意识形态和民族文化是最强大的国家凝聚力,这个《零八宪章》宣扬的是美国的意识形态,就是为了建立美国的国家凝聚力,所以《零八宪章》就是卖国的汉奸宪章。

Ieri ho letto nell'articolo di Sima Nan le versioni cinese e inglese della Carta 08. L'intero documento si richiama ai valori universali sostenuti dagli Stati Uniti. Ideologia e cultura nazionale sono i maggiori elementi unificanti per una nazione. La Carta 08 sostiene l'ideologia americana e la forza unificante degli Stati Uniti, ed è pertanto un documento formulato da traditori.

Malgrado il governo continui a soffocare le espressioni di dissenso, molti blogger in Cina si sono arrischiati a sottoscrivere la Carta e a disseminarne i contenuti.

Foto da Flickr sulla menifestazione per Carta 08

Vincere la paura

Liberalist, indeciso sul da farsi per qualche giorno, si è infine convinto a firmare la Carta con il suo vero nome:

今天终于签了名,签的真名、真职业,对签名活动来说可能有些晚,但对我来说意义重大。以前顾虑在于,我的职业虽然算自由职业,但时刻处在种种矛盾、旋涡之中,属于每年政府都要注册、年检的那种敏感行业,一个省也不过几千人,当局调查、和谐起来十分方便。

就这样折磨了自己几日,发现自己根本就是庸人自扰。既然内心对一件事深深认同,做与不做又都有可以理解的理由,剩下的就是选择的问题了。“为了正义,哪怕它天崩地裂”是一种选择,不争不鸣、独善其身也是一种选择,两种选择没有高下之分、只有利害之别。说到底,每个人仅对内心负责则矣。而我的权衡结果是:如果不做这件事,将来内心一定会不安。

Alla fine oggi ho firmato, con il mio vero nome e occupazione. Forse è tardi, ma per me ciò ha grande significato. Ho esitato, anche se sono un freelance, perchè la mia attività rientra in quelle categorie sensibili per le quali il governo prevede registrazione ed ispezione con cadenza annuale. Se le autorità decidono di avviare delle indagini, sarà per loro facilissimo “armonizzarmi” [cioè neutralizzarmi, ad esempio tramite pressioni nel contesto lavorativo].

Mi sono torturato per giorni, chiedendomi se non mi stessi davvero cacciando in un guaio. Quando mi riconosco profondamente in una causa, che l'abbracci o meno, le ragioni sono tutte valide. “Lasciarsi alle spalle ogni conseguenza per amore della giustizia” è una scelta, tenersi alla larga da acque torbide è un'altra. Una non è più nobile dell'altra, l'unico discrimine sono i vantaggi e gli svantaggi. Ognuno è responsabile solo di fronte alla propria coscienza. Ho soppesato i pro e i contro, ed ecco il risultato: se stavolta non faccio questo passo, la coscienza non mi lascerà in pace.

Ran Yunfei, noto blogger e uno dei 303 intellettuali co-firmatari della Carta, parla di contrapporsi alla politica della paura in uno stato autoritario [cin]:

有人说,你就不恐惧吗?我恐惧,和大家一样。但我认为面对恐惧的方式可能有所不同,有人说,你的电话肯定被监听,我说他爱听不听(这不表明我赞赏他来听,我反对他来听,这只是我反对无效时的被动考量,但对他们这种窃听,我一直反对),事涉公众利益,我私下说与公开说的完全一样;有人说,你出来可能有人跟踪,我说我到不了那个级别,即令是有,我也欢迎他一起聊天喝茶,但茶钱你得自己给。官方最高兴的是,你完全按照他威胁性的旨意来生活,生活在恐惧不安中,活得越来越憔悴,生活越来越无趣,它最高兴。它会暗中说,…毋如完全尊重自己的规律与轨迹,这是对制造恐惧者的最大打击。

C'è che mi chiede se non ho paura. Ho paura come tutti. Credo però di affrontare la paura in modo diverso. Alcuni mi dicono che sicuramente il mio telefono è sotto controllo. Rispondo allora “Che ascoltino, se gli pare” (il che non vuol dire che sia apprezzi che mi si sorvegli il telefono. Anzi, sono contrario, ma che differenza volete che faccia?). Quando si parla di pubblico interesse, ciò che dico in privato non è diverso da quanto sostengo apertamente. Secondo qualcuno, sono pedinato quando esco di casa. Rispondo che non rientro ancora in quel rango di privilegiati, e anche se fosse non mi dispiacerebbe discutere [con chi mi pedina] davanti a una tazza di te, purchè se paghi la sua parte. La macchina statale è tanto più soddisfatta quanto più uno vive all'ombra delle sue minacce. Sono ben felici di vederti vivere nella paura, costantemente in ansia e senza provare piacere alcuno… Rimanere fedele ai propri principi e decisioni, è l'attacco più duro contro chi produce un clima di paura.

Lo scrittore 76enne Tie Liu spiega le ragioni che lo hanno spinto a sottoscrivere [cin] la Carta:

我是个七十有六岁的老人,不顾疲劳戴着老花镜把”零8宪章”反反复复地看了三遍,最后毅然签上了自已的名字,位列57 位。”08宪章”写道:…制造了反右、大跃进、文革、六四、打压民间宗教活动与维权运动等一系列人权灾难,致使数千万人失去生命,国民和国家都付出了极为惨重的代价。”难道这不是事实吗?我是历史老人,各种灾难的见证者。

Ho 76 anni, con gli occhiali ho letto la Carta per ben tre volte e poi ho deciso di firmare. Sono il numero 57 della lista. La Carta recita: “…il Movimento contro la Destra (1957), il Grande Balzo (1958–1960), la Rivoluzione Culturale (1966–1969), il massacro del 4 giugno a Piazza Tiananmen (1989), e l'attuale repressione di tutte le religioni non autorizzate e del movimento di tutela dei diritti civili. In tutte queste fasi, il popolo cinese ha pagato un prezzo enorme. Decine di milioni di persone hanno perso la vita e diverse generazioni hanno visto calpestare ferocemente la propria libertà, la felicità e la dignità umana.” Si tratta di verità storiche, sono un testimone della storia, un testimone di tutte le catastrofi.

Foto da Flickr sulla menifestazione per Carta 08

Proteste a Hong Kong non riportate dai media

Malgrado Hong Kong goda della libertà di parola e di stampa, i media hanno ignorato la Carta 08. Ieri ho partecipato a una manifestazione di protesta per il rilascio di Liu Xiaobo, ma la stampa cinese locale ha brillato per l'assenza e anche le discussioni su internet erano alquanto limitate. Un cittadino-reporter segnala quanto segue su inmediahk.net, in un resoconto dedicato alla protesta e alle condizioni in cui versa l'informazione [cin]:

大部份網上媒體,都是主流的鏡子或回音室,從《零八憲章》的傳播看,論壇和 Blog 的獨立性都成疑,畢竟個人的意識、喜好都跟著主流來轉…;再且,個人或缺乏組織的聚眾,在缺乏資源與意識下,亦無法發揮抗衡的作用。香港的 Bloggers 相對國內的,因為缺乏自主的組織與意識,與國內和台灣相比,顯得隨波逐流,而沒有成為資訊傳播的行動者。

《零八憲章》在香港的傳播是一個警號,當我們的教育強調國民身份認同,而主流媒體(尤其是電視媒體)只談奧運、神七與中央救市,完全屏閉人民作為主體的社會改革力量;另一方面,網上/社會上獨立多元的聲音無法成為抗衡的力量,我們的下一代,只會變成國家搖藍下的娃娃。

我們需要更強、更有意識、更多元自主的獨立媒體運動。

La maggior parte dei media online riflette gli interessi dei mezzi di comunicazione tradizionali. Nel caso della Carta 08, viene chiamata in causa l'indipendenza di forum e blog. Dopo tutto, simpatie e interessi individuali sono influenzati dai mezzi d'informazione tradizionali. Inolre, i singoli e gli aggregati di individui privi di risorse e di organizzazione non possono contrastare i media tradizionali. Rispetto ai nostri colleghi nella Cina continentale, i blogger di Hong Kong difettano di network autonome e di consapevolezza, e tendono a seguire l'ondata mainstream, fallendo come attivisti mediatici.

La diffusione della Carta 08 è un monito per Hong Kong. Il governo ha sostenuto l'educazione patriottica e i media tradizionali, in particolare le televisioni, non hanno fatto altro che parlare di Olimpiadi, viaggi nello spazio e dell'intervento del governo centrale nella crisi finanziaria, oscurando gli sforzi popolari volti alla promozione di una trasformazione sociale. D'altro canto, i mezzi d'informazione indipendenti online non sono riusciti a consolidarsi e affermarsi come forza di contro-propaganda. La prossima generazione non sarà che un neonato nella culla dello Stato.

Abbiamo bisogno di un movimento d'informazione indipendente caratterizzato da maggior vigore, diversità e autonomia.

Finora sono migliaia i cinesi che hanno sottoscritto la Carta, e non mancano gli ambiti online dove poter firmare, tra cui: zola's google knol [cin] e inmediahk.net [cin], oppure si può inviare una e-mail a: <2008xianzhang@gmail.com> o .

Il testo inglese della Carta 08 è disponibile qui [in], la versione giapponese qui[giap], e quella cinese qui [cin].

Le fotografie sono di hegelchong.

2 commenti

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.