chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Cina: firmatari di Carta 08 arrestati e interrogati dalla polizia

Quanto segue è un aggiornamento al post precedente su Carta 08 – la dichiarazione collettiva redatta da studiosi non-ufficiali e sottoscritta da centinaia di sostenitori, fra cui noti scrittori, avvocati, professori e altri dissidenti, che traccia un piano per le prospettive democratiche in Cina.

Il documento si appella al governo cinese perchè risponda favorevolmente alla richiesta popolare a sostegno dei diritti umani e della riforma politica. Tocca questioni quali la separazione dei poteri, un miglior sistema di tutele sociali, la libertà religiosa ed elezioni per le cariche pubbliche. A differenza di molti appelli precedenti, la Carta non si limita a richiedere misure contro la corruzione ma invoca piuttosto cambiamenti costituzionali più profondi. Il formato s'ispira alla dichiarazione anti-sovietica di Carta 77 in Cecoslovacchia [in].

Catherine Sampson [in], in un articolo sul quotidiano britannico Guardian, definisce [in] la Carta “uno dei più arditi appelli al cambiamento emersi dopo il massacro del 1989 che è quasi riuscito a soffocare ogni dissenso in Cina.”

La Carta viene pubblicata in un momento assai delicato, in quanto il 10 dicembre è [stata] la Giornata mondiale dei diritti umani [in], oltre che il 60esimo anniversario dell'adozione della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo da parte delle Nazioni Unite [in], un accordo fondamentale in materia di diritti umani sottoscritto anche dalla Cina. In aggiunta, il 2008 è stato un anno insolito per la Cina. Ad eccezione delle gloriose Olimpiadi, infatti, l'anno in corso è stato alquanto cupo per via delle distruzioni causate dal terremoto [in Sichuan] e dalla tempesta di neve [prima del capodanno lunare]; delle ricadute della crisi finanziaria sulla vita quotidiano dei cinesi e dei frequenti disordini, violenze e proteste verificatisi nel Paese durante gli ultimi 12 mesi. La prosperità e la stabilità dovute alla crescita del PIL e al pugno di ferro del governo sono compromesse dalla diseguale distribuzione della ricchezza e dall'arbitraria amministrazione della giustizia.

La maggioranza dei problemi riconduce al controverso sistema politico della Cina, che Carta 08 critica nell'introduzione:

特别是官民对立激化和群体事件激增,正在显示着灾难性的失控趋势,现行体制的落伍已经到了非改不可的地步。

In particolare, l'intensificarsi delle ostilità fra i funzionari del governo e la gente comune, e la crescita drammatica degli scontri, rivelano come la catastrofica perdita di controllo e l'attuale sistema anacronistico abbiano raggiunto un punto tale da rendere inevitabile il cambiamento. (traduzione inglese di Human Rights in China)

E ora è probabile che la Carta in sé porti all'estremo tale conflitto.

Una risposta prepotente

La preparazione e la divulgazione della Carta hanno avuto effetti drammatici.

Il piano comportava la pubblicazione esattamente il 10 dicembre, la Giornata dei diritti umani. La prima fase della campagna è consistita nella raccolta di 303 firme. Non appena divulgato il testo, è partita la campagna pubblica per la raccolta di ulteriori firme.

Tuttavia l'8 dicembre Liu Xiaobo [in], uno dei più noti dissidenti cinesi e tra i promotori della campagna, viene perquisito e arrestato dalla polizia segreta, e con lui un altro studioso, Zhang Zuhua, che è già stato rilasciato. Le loro abitazioni sono state perquisite, con la confisca di computer e altri effetti personali.

In un'intervista a Deutsche Welle, Zhang racconta che [cin]:

大约有20多名警员身着警服闯到我家中,出示了传唤通知书和搜查证,然后把我带到万寿路派出所进行讯问,长达12小时。同时留下11位民警在我家进行了一 个大搜查。把我家里的几台电脑,包括我妻子的电脑,还有我的很多书籍和私人物品–我和我太太的现金、存折、银行卡全部抄走,留下了很厚一沓的扣押物品文 件清单。

Circa 20 poliziotti in uniforme hanno fatto irruzione in casa mia, esibendo un mandato di perquisizione e uno di comparizione. Mi hanno portato alla stazione di polizia di Wanshou, dove sono stato interrogato per 12 ore. Gli 11 agenti rimasti a casa mia hanno proceduto alla perquisizione, confiscando tutti i computer, alcuni dei miei libri, contanti, carte e libretti bancari, lasciando un fitto inventario degli oggetti requisiti.

Liu Xiaobo non è stato fortunato quanto Zhang, e rimane tuttora in stato di detenzione. Nessun elemento indica che verrà rilasciato a breve. Liu è nato nel 1955. Dopo i fatti di Tiananmen nel 1989, è stato imprigionato perchè considerato una delle menti direttive. Dopo il rilascio, ha continuato a scrivere e scagliarsi contro le azioni anti-democratici delle autorità, entrando e uscendo di prigione frequentemente.

Il quotidiano inglese Telegraph, ha pubblicato un resoconto dettagliato [in] dell'accaduto. Come notato nell'articolo, nella Carta uno dei punti più delicati dal punto di vista politico è la richiesta di separazione dei poteri – legislativo, esecutivo e giudiziario – sullo stile delle democrazie occidentali, ipotesi che è stata apertamente discussa e rigettata dai capi del Partito Comunista. Inoltre, l'articolo 18 della Carta, che propone la trasformazione della Cina in una repubblica federale, è la sezione che le autorità citano più spesso contro i firmatari, in quanto si ritiene che ciò costituisca una chiara minaccia al regime statale.

Malgrado i firmatari abbiano sostenuto di volere unicamente una riforma nell'ambito dell'attuale struttura politica, le autorità appaiono alquanto scosse. Ulteriori interrogatori, arresti domiciliari e requisizioni sono in corso. Corre voce che la polizia si “occuperà” di ogni singolo firmatario.
L’
Independent Chinese Pen Center
, associazione a favore della libertà di scrivere e pubblicare che Liu Xiaobo soleva presiedere, è stato pesantemente colpito dalla vicenda in quanto molti dei suoi membri hanno sottoscritto la Carta. Il centro ha documentato su Internet quanto subito da costoro nei giorni scorsi.

Guan Dangsheng, un poeta, scrive di aver avuto un'assaggio dell'efficienza della polizia segreta:

去附近的“步瑞祺电脑城”,正在柜台看耳机时,有人拍了拍我的肩膀。我一看,是个陌生的30多岁的穿着休闲服的人。他问“ 老管吗?”我说“是”。他说“借一步说话。”我有些诧异,又有些想笑,心想:这人还比较文明。我问道“你认识我吗?”他说“你不是管党生吗?”我说“是 ”,他扶着我胳膊说“没有找错”。然后把我带到门口,说“我是市公安局的,想找你了解些事情,请配合一下”,并掏出来“人民警察证”给我看了一下,里面名 字还没有看清楚,他就收了起来。说实话,我当时的第一个念头就是想跑。但是,一方面他强“扶”着我胳膊,一方面感觉跑也没有什么意思,何况以前也有过类似 的事情。

Ero in un negozio d'informatica e stavo cercando un paio di auricolari. Qualcuno mi ha dato un colpetto sulla spalla. Mi sono voltato e mi son trovato di fronte un tipo sulla trentina in abbigliamento sportivo. Ha chiesto, “Signor Guan?” “Sì,” ho risposto. “Possiamo uscire per fare due chiacchiere?”, mi ha chiesto. Sono rimasto sorpreso, e allo stesso tempo divertito, pensando: “Che tipo dalle belle maniere.”…. Tenendomi per il braccio mi ha detto “sto cercando proprio te”, e mi ha accompagnandomi verso l'uscita.
“Lavoro al dipartimeneto di pubblica sicurezza”, ha spiegato, “Voglio solo accertarmi di alcune cose, per favore collabora.”…. Onestamente, la prima cosa che mi è venuta in mente è stata quella di fuggire. Come prima cosa, però, mi aveva afferrato il braccio; secondo, ho pensato che non sarebbe servito a nulla. Fra l'atro, non era la prima volta che mi trovavo in una situazione simile.

L'autore è poi portato fuori dal negozio, e invitato in un ristorante. Segue una conversazione apparentemente amichevole ma di fatto tesa e allusiva a possibili ritorsioni.

“我们开门见山吧。最近你比较活跃啊。”
“哪些方面?”
“最近签名比较多啊”
沉默……
“零八宪章看过没有?还有那个《营救刘晓波博士告全国人民书》?”
“看过”
“签名了没有?”
“签名了”
“好,谁让你签名的?”
“自己”
“在哪里看见的?”
“网上”
“哪个网?”
“到处都有”
“你知不知道问题很严重?”
“不知道”
“你怎么和刘晓波搞到一起去了?怎么认识他的?”
“我没有和刘晓波搞到一起去,也基本不认识他。”
“那为什么要声援营救他?”

“Arriviamo pure al dunque. Sei stato piuttosto attivo di recente.”
“Rispetto a cosa?”
“Hai firmato un sacco di cose.”
Sono rimasto in silenzio.
“Hai letto la Carta 08? E la lettera al Popolo per la liberazione di Liu Xiaobo?”
“Sì, le ho lette.”
“Lei hai sottoscritte?”
“Sì.”
“Chi ti ha fatto firmare?”
“Io stesso.”
“Dove le hai trovate?”
“Su internet.”
“Su quale sito?”
“Si trovano ovunque. “
“Sai che questo è un grosso problema?”
“No.”
“Come sei entrato in contatto con Liu Xiaobo, come lo hai conosciuto?”
“Non ho avuto contatti. Neppure lo conosco più di tanto.”
“E allora perchè lo supporti pubblicamente e ne chiedi la liberazione?”

Qui l'autore fornisce una lunga risposta,

“因为从80年代起我就喜欢他的文章,还有我认为零八宪章只是表达当代民主政治的基本原则和价值追求,对促进中国民主法治有很大促进作用,代表着很大一部分人的政治理想,为这个抓人是没有道理的。从法律上讲,宪法明确规定保障每个人的言论自由权利”
“你怎么知道抓他是因为零八宪章的?”
“那是因为什么?

Mi sono appassionato ai suoi saggi fin dal 1980. Inoltre, penso che Carta 08 sostenga dei principi fondamentali e persegua certi valori democratici. Faciliterà il progresso del sistema giudiziario cinese. La Carta esprime gli ideali politici di molti. Arrestare chi ha firmato la Carta non ha senso. La costituzione garantisce libertà d'espressione.

“Come fai a sapere che Liu è stato arrestato in relazione alla Carta 08?”

“E sennò per quale altro motivo?”

Stavolta è l'agente a rimanere in silenzio.

Alla fine, dopo essersi accertato che l'autore non sapeva granchè riguardo ai promotori dell'iniziativa o alle modalità organizzative, l'investigatore lo ha lasciato andare. L'autore conclude così il suo post:

出来以后,我想中国的公安有时工作效率还是比较高的。譬如对“零八宪章”。如果把这效率用在反腐败上多么好。
也许是杞人忧天。为了防止我突然“消失”,我还是把今天的事情写了出来。
现在外面是晴天,还是老话:我坚信乌云遮不住太阳。

Mentre uscivo, ho pensato a quanto sia efficiente talvolta la polizia cinese, per esempio in relazione a Carta 08. Ma se tale fficienza venisse impiegata per combattere la corruzione, sarebbe davvero meraviglioso.
Magari è una preoccupazione infondata, ma ho raccontato quanto mi è accaduto oggi nel coaso dovessi “sparire” improvvisamente.
Fuori splende il sole. E proprio come nell'antico detto, sono convinto che le nubi non possano occultare la luce del sole.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.