chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Marocco: Obama terrà qui il suo primo discorso all'estero?

Il blogger algerino-americano The Moor Next Door ha riferito [in] di una campagna promossa da cittadini marocchini per incoraggiare il neo-presidente USA Barack Obama a tenere in Marocco il suo primo discorso all'estero. Il blogger scrive:

Questo ben curato sito marocchino [in] — Obama to Speak in Morocco — sta promuovendo quel Paese come miglior candidato per il previsto discorso di Obama al mondo islamico. Costoro hanno persino inserito il mio post sul tema nella loro causa [in]. Tenete presente che io non ho alcun tipo di rapporto con “Obama to Speak in Morocco,” e curo questo blog a livello personale e per conto di nessun altro, e non ricevo né donazioni né compensi materiali o economici da alcun individuo o organizzazione.

Nei commenti del suo blog, Tidinit replica a tale affermazione:

Interessante. Non ho letto il tuo post su Obama, ma lo farò adesso, per le implicazioni sui nostri “oculati” Paesi. Non preoccuparti se ti accusano di stare dalla loro parte. Sappiamo che non è così, e che stai offrendo spunti di riflessione su questioni inerenti quell'area. Ho apprezzato molto i tuoi ultimi post sulla Turchia e la nuova OPEC del gas. Insieme ad altri, naturalmente: Ya Khattou, Al Majlissi e il tuo ottimo post a cui ho risposto. Ecco perché gli dò un'occhiata quasi ogni mattina o sera. Continua così. Abbiamo bisogno di te, ci stai aprendo gli occhi su certe questioni chiave di cui nessuno parla.

La petizione per far tenere il discorso di Obama in Marocco è stata lanciata [in] da The Moroccan American Board, organizzazione con sede a Washington, D.C.

Di seguito, i punti salienti di discussione della campagna:

Ecco perché il discorso dovrebbe tenersi in Marocco

Qual è il Paese arabo, musulmano e africano che per primo ha riconosciuto l'indipendenza degli Stati Uniti?

Il Regno del Marocco

Qual è il Paese moderato, tollerante, pacifico e anche maggior alleato degli Stati Uniti nella regione?

Il Regno del Marocco.

Come definire il primo discorso di Obama tenuto in Marocco dopo il suo insediamento?

Un momento storico.

Anche se sarà solo il tempo a dirlo, fin qui la campagna ha avuto successo; i promotori della petizione hanno anche convinto il sindaco di Washington D.C., Adrien Fenty, a sostenerla [in] durante la sua festa di compleanno:

Fra invitati e sostenitori c'erano anche membri del Washington Moroccan Club e amici-del-sindaco che chiaccherando lo hanno informato sull'andamento della campagna per portare il presidente eletto Barack Obama a tenere il suo primo discorso sulla politica estera in Marocco. Il sindaco di Washington, Adrien Fenty, ha affermato: ”È una buona idea. Il Marocco è il luogo ideale per quel discorso”, in un successivo incontro con Jan and Phil Fenty, gli orgogliosi genitori presenti al ricevimento per il suo 38mo compleanno. Loro hanno gestito il negozio di calzature sportive Fleet Feet a Washington per oltre 24 anni, mentre Jan Fenty, la madre del sindaco, lavorava come insegnante presso una scuola pubblica. Il padre, Phil Fenty, ha informato i membri della comunità marocchina che suo nonno era venuto qui dal Marocco. Costoro, sorpresi dall'inattesa rivelazione, hanno prontamente accolto il sindaco e la sua famiglia nella comunità marocchina in America, dato che il bis-nonno del sindaco era marocchino, e hanno festeggiato l'evento con un più che meritato bicchiere di acqua minerale fresca.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.