chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Cina: lo scandalo del latte in formula contaminato rilancia l'allattamento materno?


Quella che segue è una panoramica sullo scandalo del latte in formula contaminato in Cina di alcuni mesi fa. A fine settembre 2008, le autorità sanitarie cinesi avevano denunciato [in] circa 53 mila casi di bambini che si sono sentiti male dopo aver consumato del latte in formula contaminato. Dato il diffondersi degli effetti legati al consumo di prodotti caseari contaminati, molti hanno preso a discutere un'alternativa – l'allattamento materno.

Lo scandalo è scoppiato [in] i primi di settembre, quando la Sanlu, azienda leader nella produzione e nella vendita di latti formulati, ha pubblicamente ritirato i propri prodotti [dal mercato]. Il latte è risultato deliberatamente contaminato con la melamina, composto chimico industriale che può causare disturbi renali. Da allora, migliaia di bambini si sono ammalati, e quel latte in polvere è stato ritenuto responsabile della morte di quattro piccole vittime. La crisi non ha sollevato interrogativi riguardanti la sola sicurezza alimentare, ma anche i motivi per cui tanti bambini vengono nutriti preferibilmente con latti in formula anziché con latte materno.

Riconoscendone gli innumerevoli vantaggi per la salute [it], l'Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda [in] solo l'allattamento per i primi sei mesi di vita. Ciò nonostante, e malgrado la Cina vanti una lunga tradizione legata all'allattamento materno, la percentuale è scesa a favore di un maggior ricorso al latte artificiale. La percentuale di neonati allattati in modo esclusivo nei primi quattro mesi di vita è passata [in] da circa il 76% del 1998 al 64% del 2004. A sei mesi d'età, tale percentuale scende ad appena il 51% [in].

In molti ritengono che l'abbandono dell'allattamento materno in Cina sia imputabile alle aziende produttrici di latte in formula, con aggressive campagne dirette ai 17 milioni [in] di bambini che nascono ogni anno nel Paese. Il signor Dennis scrive sul suo blog [in]:

“Dopo lo scandalo del latte cinese contaminato anche a me è venuto subito il dubbio – come mai così tanti bimbi cinesi vengono comunque allattati artificialmente? La Cina è un Paese povero, non dovrebbe automaticamente scegliere l'allattamento al seno? Vuoi vedere che, come nei Paesi occidentali negli anni Quaranta e Cinquanta, anche in Cina il latte in polvere viene proposto come migliore di quello materno?”

Prosegue citanto un rapporto che mette sotto accusa il marketing del latte artificiale:

“Secondo la normativa cinese a tutela del consumatore, la pubblicità non può dichiarare o dare a intentere che un dato prodotto è un sostitutivo del latte materno, né può mostrare immagini di donne che allattano un bambino. Tuttavia, le aziende produttrici di latte in polvere si fanno beffa della normativa.”

Anche Mike Brady, sul blog Baby Milk Action [in], punta il dito [in] contro tali aziende e certe strategie pubblicitarie immorali:

“Fermatevi un attimo a riflettere sul perché del crescente ricorso al latte artificiale in Cina, dove si sta realizzando un rapido processo di industrializzazione e urbanizzazione che non dovrebbe però implicare il crollo dell'allattamento materno attualmente in atto. Parte di questa evoluzione culturale è stata indotta dalle aziende occidentali. Ad esempio, Nutricia, ora del gruppo Danone, nel 2004 ha lanciato sul mercato cinese il latte “Kissing my baby” con in regalo un CD di musica per bambini.”

Qualcuno sostiene che siano gli stessi medici a spingere verso l'adozione di latti formulati, nonostante la Cina abbia vietato [in] la promozione dei sostituti del latte materno negli ospedali con l'entrata in vigore, nel 1995, della Normativa per la distribuzione dei sostitutivi del latte materno. Un articolo denuncia [in] come quasi il 63% dei neonati negli ospedali cinesi venga comunque nutrito con latte artificiale. Secondo tale normativa, i medici hanno il dovere di promuovere i benefici dell'allattamento materno.

Covenofovens, in un commento [in] all'articolo, racconta la sua esperienza con certi dottori insistenti:

“Abbiamo allattato esclusivamente il nostro bambino per un anno (latte materno e acqua per i primi 4 mesi, successivamente latte materno, acqua e primi cibi solidi)… Non vogliamo dire che il latte artificiale ci sia stato imposto dai medici – nello specifico, dalla dottoressa che ha visitato mia moglie una settimana dopo il parto. Questa dottoressa si è presentata con una confezione-omaggio di latte prodotto vicino a Shenzhen (dov'è nato nostro figlio), che abbiamo lasciato su uno scaffale e alla fine gettato via.”

Nase, che dalla Malaysia cura il blog My Solitude of Space, riferisce [in] che le madri della sua comunità cinese raramente scelgono di allattare. Ha chiesto loro il motivo:

“Apparentemente (secondo mia madre e molte madri cinesi) la principale proccupazione è il cedimento del seno (cito mamma Rose: “Se vi avessi allattato tutti e cinque, brutti birboni, adesso camminerei a quattro zampe!)”… Un altro motivo, meno convincente, riferito da mamma Rose è l'impraticabilità, perché una mamma deve lavorare e badare ai capricci dei figli più grandi e pure al marito!”

Minipumpkin concorda sull'importanza dell'immagine del corpo, ma dà la colpa [cin] anche alla mancanza di tempo e all'errata convinzione che il latte artificiale sia più sano:

现在很多年轻的母亲怕身材变形、担心没有足够的个人时间,明明奶水很足,却生生地没有喂自己的孩子一口奶。面对市场上琳琅满目的奶粉以及大肆宣传的广告,妈妈们可能觉得没有了母乳照样有营养丰富的配方奶粉,冲调方便,孩子吃了还那么白胖,何乐而不为呢?我不想去批评不哺喂母乳的妈妈,她们当中确有因先天因素奶水不足而不得以人工喂养的,我只是为自己的决定而庆幸,而且通过这次三鹿问题奶粉事件,我本来打算周岁断奶的决定也延后了,再喂一段时间吧。

“Oggi molte giovani madri si preoccupano del tempo libero e della forma fisica. Nonostante abbiano latte a sufficienza, decidono di non allattare i propri piccoli. Tra l'altro, con tutta la pubblicità di latti formulati proposti sul mercato, finiscono col ritenere che il latte artificiale sia più nutriente e persino più economico. I neonati crescono velocemente e hanno un aspetto sano, quindi perché no? Non è mia intenzione criticare le mamme che decidono di non allattare, molte di loro sono costrette a passare al latte in polvere perché non ne producono a sufficienza. Mi ritengo fortunata per aver preso la decisione giusta. E con lo scoppio dello scandalo Sanlu, ho deciso di prolungare l'allattamento del mio bambino.”

Secondo [cin] kakb2006, citato da diversi giornali di Hong Kong, per le lavoratrici migranti la loro attività può rappresentare un grosso ostacolo all'allattamento:

目前,由於大量的農村人口出外打工,其中,許多婦女生了小孩後不久,就要離家繼續到城市打工,嬰兒在無母乳餵餔下,主要營養品就只能來自奶粉,也因為經濟條件相對較差,不少人買不起貴價奶粉,因此,便宜的奶粉近年一直在農村大有市場。

“Molti lavoratori vivono nelle zone rurali e migrano verso le aree urbane, così tante donne, dopo il parto, devono tornare in città e lasciare il neonato nel villaggio. Non potendo allattare perché assenti, l'unica soluzione è l'adozione del latte in polvere. Ed essendo troppo povere per potersi permettere latti formulati costosi, non possono fare altro che scegliere le marche più economiche. Ecco perché i latti artificiali economici hanno grande successo nelle aree rurali.”

Alcuni ricercatori cinesi [in] ritengono che il ritorno alla pratica dell'allattamento materno richieda una maggior promozione dei benefici che ne risultano. Hoyden About Town aggiunge [in] che tale passaggio avverrà solo garantendo sostegno socio-economico e pratico. Forse lo scandalo del latte contaminato contribuirà ad incoraggiare questo processo nel Paese. Un post pubblicato su South China Morning Post denuncia [in]:

“La mancanza di personale competente, di luoghi preposti all'allattamento e di pubblica informazione è uno dei motivi per cui, nel corso degli anni, le madri cinesi hanno abbandonato l'allattamento al seno, ma lo scandalo della melamina ha portato alcune di loro a riconsiderarlo. In queste settimane gli ospedali sono stati presi d'assalto da mamme allarmate che chiedevano indicazioni sull'allattamento, diventato principale tema di discussione sui siti dedicati alla maternità e all'educazione dei figli.”

Immagine di “Allattamento autorizzato” pubblicata da Topinambour su Flickr.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.