chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Grecia: le proteste bloccano una partita di armi diretta a Israele

Con la guerra in corso a Gaza, la recente notizia del passaggio di una partita straordinariamente consistente di armi, proveniente dagli Stati Uniti e destinata a Israele, nel porto privato di Astakos in Grecia, ha provocato un pandemonio fra i blogger greci. I quali sono ricorsi a Twitter [it] per saperne di più e fare pressione sul governo per bloccare il trasferimento.

La consegna delle armi è stata poi sospesa [in] dal governo greco per la pressione dei partiti d'opposizione [in], e Amnesty International ha richiesto un embargo per le spedizioni di armamenti. [in].

Inizialmente le autorità hanno negato la notizia riportata dall'agenzia stampa Reuters il 9 di gennaio. Ma questa è stata rilanciata dagli utenti di Twitter e poi verificata, dopo che Indy.gr – emazione del gruppo Indymedia Atene ne ha realizzato e diffuso la traduzione [gr] in greco.

L'idea di organizzare un embargo del porto è stata proposta e ampiamente rilanciata su Twitter:

itsomp: http://is.gd/f8Wa [in]. Possiamo organizzare un embargo al porto di Astakos? Solo per le navi USA e israeliane…

Qualcuno ha inviato messaggi via Twitter direttamente al Ministro degli Esteri greco, che ha un identificativo Twitter gestito dallo staff addetto al web:

magicasland: @Dora_Bakoyannis τι γίνεται με το φορτίο του Αστακού; Δε θέλουμε εμπλοκή της Ελλάδας στο μακελειό της Γάζας

Dora Bakoyannis, che cosa sta succedendo al porto di Astakos? Non vogliamo che la Grecia sia coinvolta nel massacro di Gaza

Facendo uno strappo alla consueta pratica di non conversare via Twitter, lo staff del Ministro ha risposto direttamente:

Dora_Bakoyannis: @olrandir, @asteris, @gtzi, @magicasland, Απάντηση ΝΜ και για Αστακό, http://tinyurl.com/9ts6xw [gr]

… risposta su Astakos, http://tinyurl.com/9ts6xw [gr]

Il link rimanda alla dichiarazione ufficiale del Ministro [gr] secondo cui la consegna delle armi attraverso Astakos o altri porti greci era una “questione inesistente”, negando vagamente la stampa che sosteneva il contrario.

Tuttavia, il blogger Odysseas aveva trovato l'offerta per l'appalto [gr] della consegna su un sito federale degli Stati Uniti:

Στην παρακατω παραπομπη [in] θα βρειτε το σημα που εξεδωσε το Αμερικανικο ναυτικο για μεταφορα πολεμικου υλικου απο το λιμανι του Αστακου στο Αστοντ του Ισραηλ. Το φορτιο υπαρχει ηδη και περιμενει αναδοχο μεταφορεα.

Su questo link[in] si trova la nota della Marina statunitense relativa alla consegna delle munizioni dal porto di Astakos a quello di Ashdod in Israele. Il cargo esiste ed è in attesa di un appaltatore per il contratto.

E gli utenti di Twitter hanno continuato a far pressione, nonostante le smentite ufficiali:

magicasland: @Dora_Bakoyannis και η αμερικάνικη σελίδα που αναφερει το φορτιο τι είναι τότε;

Dora Bakoyannis, che ci dici della pagina web in cui si offre l'appalto?

Il giorno successivo i giornali riportavano la cancellazione della consegna. Anche questa notizia è stata immediatamente rilanciata via Twitter:

myrto_fenek: Αναβλήθηκε, λόγω των συγκρούσεων στη Γάζα, η αποστολή πολεμοφοδίων μέσω του Αστακού

Il trasferimento di armi via Astakos è stato cancellato a causa del conflitto in corso a Gaza!

Il blogger magicasland.com ha riassunto così i risultati raggiunti [gr]:

Σημερινή δημοσίευση του ΑΠΕ αναφέρει ότι αναβλήθηκε η μεταφορά του φορτίου των 325 κοντέινερ με πολεμοφοδία από τον Αστακό στο λιμάνι Ασντοντ [..] Το μόνο σίγουρο είναι πως το φορτίο θα μεταφερθεί κάποια στιγμή. Αρκεί όμως να μη μεταφερθεί τώρα και από εδώ.

Un comunicato dell'APE [Agenzia di stampa greca] di oggi riporta che è stato cancellato il trasferimento da Askatos al porto di Ashdod per la consegna di 325 container di munizioni. [..] È sicuro che la consegna avverrà in qualche modo; sappiamo solo che non sarà qui e adesso.

Il blogger coolplatanos ha compiuto ulteriori ricerche [gr], scoprendo un'altra offerta d'appalto per la consegna di armi, e verificando al contempo la cancellazione della richiesta precedente:

έχει υπάρξει και προγενέστερη προκήρυξη ναύλωσης με ημερομηνία ανάθεσης της σύμβασης την 6η Δεκεμβρίου του 2008 (πρώτη δημοσίευση μάλλον στις 4 Δεκεμβρίου) πάλι από το αμερικάνικο πολεμικό ναυτικό. Αυτή η ναύλωση αφορά και πάλι πυρομαχικά και μεγαλύτερο όγκο φορτίου, αφού ζητείται πλοίο ελάχιστης χωρητικότητας 989 TEU’s[..]

Πάντως σήμερα 13 Ιανουαρίου και ώρα 9:05 am (Αμερικής φαντάζομαι) υπάρχει ενημέρωση στη σελίδα του μειοδοτικού διαγωνισμού για τη ναύλωση του πλοίου που αφορούσε τα 325 κοντέινερ και η ένδειξη ότι “ακυρώθηκε προς το παρόν”.

Τις παραπάνω ναυλώσεις τις έψαξα μέσω google αυτοσχεδιάζοντας [..]

… c'era anche una precedente richiesta con una scadenza di contratto al 6 dicembre 2008 (pubblicata per la prima volta il 4 Dicembre), sempre a cura della Marina degli Stati Uniti. Questa è un'altro appalto di munizioni, stavolta per un carico più grande, perché è stato richiesto una nave con una capacità minima di carico di 998 tonnellate.

Comunque, oggi 13 gennaio [09:00 EST], la pagina di richiesta per la nave da 325 tonnellate è stata modificata con la dicitura “temporaneamente cancellata”..

Ho trovato gli appalti sopra riportati con una semplice ricerca su Google.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.