chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Israele: consolato USA tiene ‘conferenza stampa’ su Twitter

La scorsa settimana, HubSpot, società di marketing online ubicata a Boston, ha pubblicato un report [in] da cui si rileva che la piattaforma di micro-blogging Twitter [in] acquisisce dai 5.000 ai 10.000 nuovi utenti al giorno. Un incremento che non stupisce, visto l'ampio ricorso a Twitter per discutere di eventi d'attualità, come nel caso di Mumbai e ora di Gaza [tutti link in inglese].

Da qualche tempo anche le autorità governative utilizzano Twitter. Il governo statunitense, per esempio, gestisce diversi acconti su Twitter (inclusi @USAGov, @TheWhiteHouse e @NASA) [tutti i link in inglese] e certamente altri Paesi ne calcheranno presto le orme. Nel pomeriggio del 29 dicembre scorso, nel bel mezzo del conflitto Israele-Gaza, anche il consolato israeliano a New York ha aperto un acconto su Twitter. Questo il primo messaggio diffuso:

Messaggio di benvenuto del consolato israeliano in USA su Twitter

Un caro benvenuto a tutti i nostri sostenitori!
Continuate a seguirci per maggiori informazioni non appena avremo preso confidenza con Twitter.

Poco dopo il consolato annunciava l'intenzione di tenere una sorta di “conferenza stampa” con i cittadini, martedì 30 dicembre dalle 13.00 alle 15.00 EST.

Messaggio del consolato israeliano in USA su Twitter

Il console d'Israele a New York, David Saranga, risponderà alle vostre domande nel corso della “conferenza stampa” con i cittadini, martedì 30 dicembre dalle 13 alle 15 EST #AskIsrael #gaza #sderot

La conferenza è stata un'opportunità unica e inedita per un governo di creare una piattaforma aperta per la discussione globale in un periodo di crisi. Gli utenti di Twitter hanno inviato domande nel corso della conferenza, seguendone poi la discussione stessa usando il tag #AskIsrael [in]. L'acconto su Twitter del consolato è gestito da David Saranga, Console per i media e gli affari pubblici negli Stati Uniti.

Gli utenti di Twitter hanno subito preso a inviare le prime domande. gyokusai, dalla Germania, pone questa domanda:

La domanda di gyokusai su Twitter

Domanda(e) per domani: In che modo l'attacco influenzerà le elezioni e come avrebbe influito un'assenza di risposta ai razzi di Gaza?

travmavg insinua subito:

La domanda di travmavg su Twitter

Bombardate #Gaza in risposta alle loro bombe? Che tipo di reazione vi aspettate? Non posso dare sostegno al vostro ricorso alla violenza #AskIsrael.

Maggiori dettagli sulla conferenza stampa sono disponibili sul blog del consolato [in].

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.