chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Kazakhstan: LiveJournal sbloccato – e poi bloccato di buovo

Il 28 gennaio gli utenti Internet del Kazakhstan hanno improvvisamente avuto accesso a LiveJournal – la piattaforma blog più popolare della blogosfera post-Sovietica in lingua russa. Era stata bloccata dal provider nazionale fin dal 7 Ottobre dell'anno scorso per ragioni sconosciute – “Kazakhtelecom” non ha mai ammesso l'esistenza dell'oscuramento.

Usavamo vari trucchetti tecnologici per accedere a LiveJournal. Il 28 gennaio è stato sbloccato. Chi abbia preso la decisione di filtrarlo e poi di aprirlo – non lo sappiamo. Per quanto tempo avremo l'opportunità di godere del libero accesso – non lo sappiamo. Forse dovrei gridare “hurrà”, ma per qualche ragione mi viene da imprecare.

Così ha scritto eev [ru].

Molti blogger stentavano a credere a quest'inattesa felicità – i loro spazi su Livejournals si sono riempiti di post eccitati. Gli scettici apparivano dubbiosi [ru], e tra questi lord-fame:

Scommetto dieci a uno che troveranno “l'errore” e bloccheranno nuovamente il sito web.

graveric ha aggiunto [ru]:

C'è il sospetto che si sia verificato un piccolo problema da qualche parte in Kazakhtelecom. Presto sarà corretto.

Esattamente quanto è avvenuto la sera del giorno dopo. Cyber-gorynych sostiene [ru] che c'è stato un aggiornamento delle apparecchiature in Kazakhtelecom, mentre lord-of-silence lo spiega [ru] con il cambio dell'indirizzo IP dello stesso Livejournal, che temporaneamente è risultato aperti agli utenti, ma poi è stato filtrato.

Ricordiamo che queste storie rientrano nel contesto della nuova proposta di legge sulla regolamentazione di Internet, attualmente al vaglio del Parlamento. Come commenta pulemetchizza [ru]:

La legge, se adottata, determinerà quali siti web verranno aperti per i cittadini del Kazakhstan, e quali saranno proibiti. Ciò che Kazakhtelecom ha fatto illegalmente e di nascosto con Livejournal, sarà possibile farlo con qualsiasi altro sito web – e legalmente. Col pretesto della minaccia alla sicurezza nazionale. La decisione verrà presa dal Pubblico Ministero senza avvisare il proprietario del sito web.

Global Voices ha già parlato di casi di blocco di Livejournal in Kazakhstan qui [in] e qui [in].

Pubblicato anche su neweurasia [in].

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.