chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Sudan: alcuni autori del genocidio in Darfur ne parlano in un video

Recentemente Aegis Trust [in] ha diffuso un video dove vengono raccolte le testimonianze di quattro uomini che dichiarano di aver preso parte alle violenze e ai massacri in Darfur, che non esitano a definire genocidio. Il video è disponibile su The Hub [in] e ci auguriamo che la gente lo faccia girare per diffonderne le notizie:

Gli uomini – il cui viso è oscurato per preservarne l’anonimato – sono ex soldati dell'esercito sudanese e della milizia Janjaweed [it]: uno era un ufficiale superiore del dipartimento finanziario dell’esercito sudanese, l’altro un alto comandante Janjaweed, un terzo era un soldato della fanteria Janjaweed e infine un soldato sudanese.

Nel video spiegano il modo in cui il governo reclutava la milizia Janjaweedd, dava loro armi e rifornimenti e come ne copriva gli attacchi ai villaggi dichiarando che si trattava di scontri fra militari e ribelli, e non era l’esercito che attaccava i civili.

Il video è disponibile con sottotitoli in tedesco, in arabo, e in francese.

Secondo il comunicato stampa di Aegis Trust per la ONG Human Right First [in], il video potrebbe rivelarsi estremamente utile al Tribunale Penale Internazionale per spiccare un mandato d’arresto nei confronti del presidente del Sudan, il generale Omar al-Bashir [it]:

Dal 2003 almeno 300.000 civili sono morti in Darfur e milioni sono stati costretti a spostarsi dopo gli attacchi della milizia nota come “Janjaweed” (i diavoli a cavallo). Le dichiarazioni degli autori – confermate da osservatori internazionali – rivelano che durante le uccisioni, gli stupri, i saccheggi e gli incendi i Janjaweed erano sostenuti dall’esercito e dalle forze aree sudanesi. Ma il governo sudanese ha sempre negato ogni responsabilità sulle atrocità commesse in Darfur e anche oggi sostiene di non aver nulla a che fare con i Janjaweed.

Però gli autori di questo filmato – alcuni dei quali ne parlano pubblicamente per la prima volta – raccontano una storia ben diversa.

Il video è disponibile anche qui:


Gli autori delle atrocità in Darfur rompono il silenzio [in]
in un video su Aegis Trust [in] su Vimeo[in].

Minifoto ricavata da una foto di Nicolas Rost/UNHCR, caricata da hdptcar [in]

.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.