chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Colombia: A Medellin torna la paura

Ieri avevamo accennato[it] alla reintroduzione del coprifuoco e delle limitazioni al traffico su motocicletta, volute dal governo per assicurare la sicurezza in città. Ora, però, a diffondere paura sono gli anonimi autori di volantini e pieghevoli infilati sotto le porte dei cittadini, passati di mano in mano, dove si afferma che nessuno può andare in giro dopo le 9 o le 10 di sera in certe zone della città, nel tentativo di liberarla da residenti indesiderati.

L'informazione è trapelata via Twitter, su diversi blog e nei commenti del post scritto da Juan David Escobar dal titoloBenvenuti, ancora una volta, nella Città della Paura[sp]. Tra i commenti, Programator [sp] scrive:

por la casa de una amiga pusieron lo siguiente: “Acueste a sus hijos o nosotros los acostamos”, toque de queda, 10.00pm, Robledo Kennedy. Es absurdo cómo el tiempo no parece pasar, y volvemos a lo mismo, lo mismo de siempre, inseguridad y peligro en las calles. Por mi casa pasan policias cada rato persiguiendo traquetos en motos, una vez tuve que esconderme en casa de unos vecinos cuando venia del trabajo, porque “Por ahí están, venga, venga mientras pasa todo y se queda aquí”. Y esas palabras asustan, bastante. Y más si las cosas pasan cerca a tu casa.

Vicino la casa di un'amica hanno scritto: “Metti i figli a dormire, o li manderemo al creatore. Coprifuoco: 22:00, Robledo Kennedy [quartiere di Medellin]. È incredibile come il tempo sembri non passare mai, e come siamo nuovamente tornati alla stessa vecchia situazione: insicurezza, pericolo per le strade. Davanti casa mia, gia continuamente la polizia all'inseguimento dei traquetos [affiliati che fanno la spola tra i raccoglitori e i trafficanti] in moto. Una volta, mentre tornavo dal lavoro, mi sono dovuto nascondere nella casa di un vicino perchè, “Eccoli, entra, stai qui finchè non se ne vanno, resta qui”. Sono parole che mettono paura, proprio così. Sopratutto se te le senti dire vicino a casa tua.

Solo para mujeres riporta sul blog[sp] uno scambio che probabilmente si svolge, identico, in tutta la città:

*Mira pues, a mi casa llego una hoja que dice, que dizque no se puede estar en la calle después de las nueve de la noche porque no responden por su vida.

-¡¡¡Hay que susto!!!… pero yo había escuchado que era que no se podía andar en moto.

*No, no mija es que esa la puso Salazar y la que yo digo no se sabe quien, como aquí hay tanto quien prohíba.

*Ci credi? È arrivato un volantino a casa mia che dice che nessuno può uscire per strada dopo le nove di sera, perchè non possono garantire la nostra sopravvivenza.

-Oh mio dio! È terribile! Ma avevo sentito che l'unico limite era per la circolazione delle motociclette.

*No, no cara, quella l'ha introdotta Salazar, mentre di questa che ti sto raccontando non ne sa ancora niente nessuno, visto che qui sono tanti quelli che ti proibiscono le cose.

Secondo il quotidiano El Mundo [es], le autorità avrebbero minimizzato queste minacce, dichiarando che i loro autori intendono solo incutere paura, e che è in corso nient'altro che una guerra tra bande. La speranza è che le forze di polizia aggiuntive, inviate a Medellin per vigilare sul summit della Banca Interamericana di Sviluppo, previsto a fine mese, possano contribuire a far rientrare l'emergenza.

A proposito del summit, El Inspector interviene [sp] sull'importanza di presentare ai membri della Banca dello Sviluppo una città avanzata, ben organizzata e pacifica:

Tenemos la responsabilidad de presentarles una excelente imagen a los ilustres visitantes, para el bien de Colombia. Pero es más grande la obligación con los medellinenses y paisas en general, de asumir con pantalones que hay una creciente sensación de inseguridad y derramamiento de sangre.

No hay que maquillar cifras de criminalidad y eludir el debate sobre la seguridad. Bienvenidos los del BID, pero también bienvenida la sinceridad.

Abbiamo la responsabilità di dare un'ottima impressione ai nostri illustri ospiti, e per il bene della Colombia. Più importante ancora, è il dovere morale verso i cittadini di Medellin e della regione di Paisa in generale. Dobbiamo aver coraggio e accettare il fatto che sono in aumento gli spergimenti di sangue e la sensazione di insicurezza.

Non bisogna cammuffare i tassi di criminalità ed evitare il dibattito sulla sicurezza. Diamo il benvenuto agli ospiti della Banca, ma anche all'onestà.

Su LaFm radio [sp] si è parlato dei volantini distribuiti in centro, con il medesimo risultato: secondo le autorità, la gente non dovrebbe preoccuparsi. Per le strade, le cose sono ben diverse.

Angelfire scrive su Twitter [sp]:

Tengo muchisimas ganas de una cerveza hoy, pero pongo un pie en la calle y me dejan como un colador a punta de bala <_> :(

Avrei proprio voglia di una birra, stasera, ma se esco per strada mi ridurranno come un colabrodo, con i buchi delle pallottole :(

In altri aggiornamenti su Tweeter Angelfire ci informava che i volantini erano arrivati, che c'erano stati 20 morti in 15 giorni [sp] e che aveva assistito a una sparatoria [sp] la mattina stessa, con le pallottole rimbalzate fino al terrazzino.

Perchè sta succedendo tutto questo? L’Instituto Popular de Capacitatión [sp], che per molti anni ha lavorato con le comunità emarginate, propone quest'ipotesi:

“Mientras existió un “patrón” en la ciudad, alguien con quien negociar, la criminalidad disminuyó, pero ahora que no lo hay, sube. El dilema está en si se negocia con un nuevo actor hegemónico o se fortalece la justicia para combatir la delincuencia”, afirmó Balbín.

Quando un tempo c'era un “patrón” della città, qualcuno con cui negoziare, la criminalità era diminuita. Ora, che non c'è nessuno, è in aumento. Il dilemma è se dobbiamo negoziare con una nuova figura [criminale] egemonica, o rafforzare la giustizia, e combattere la delinquenza?”, ha affermato Balbín.

Su Twitter, gli abitanti di Medellin offrono diverse prospettive: alcuni credono [sp] che dando ascolto a queste minacce si rischi di rafforzare i criminali, e cadere vittima del terrore, mentre altri ritengono che questo sia solo un piccolo intoppo [sp] che il governo riuscirà a gestire, qualcosa che non riuscirà a distruggere dieci anni di pacificazione della città. Altri, con un punto di vista ben più tetro, credono che il tutto rientri nell'operazione di pulizia per abbellire la città [sp] per l'arrivo degli ospiti della Banca Interamericana di Sviluppo; a sostegno di questa tesi, c'è chi parla di legami tra il sindaco e alcuni gruppi paramilitari [sp].

Cosa può fare la cittadinanza? Si parla già di raccogliere informazioni e rapporti, organizzandoli graficamente su mappe, affinchè la gente possa vedere quali sono le aree minacciate, quanti diversi tipi di volantini sono in circolazione, e dove sono avvenuti gli episodi più violenti.

1 commento

  • Non sono balle.
    La “seguridad democràtica”, in Colombia, non solo non è così “democratica”, ma non è nemmeno poi così “seguridad”…

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.