chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Malaysia: mobilitazione per il rilascio di un noto blogger-attivista

Reporters Sans Frontièrs [in] (RSF), organizzazione a difesa della libertà di stampa nel mondo, è impegnata per la liberazione di Raja Petra Kamaruddin (RPK), noto blogger della Malesia. Il segretario generale di RSF, Jean-François Julliard, ha scritto in febbraio a Tuanku Mizan Zainal Abidin Ibni Almarhum Sultan Mahmud Al Mukhtafi Billah Shah, re della Malesia, chiedendogli di intercedere nel caso di RPK [in].

Julliard ha scritto:

Il modo in cui la corte federale di Putrajaya sta conducendo il caso di RPK è una farsa della giustizia. L'imparzialità della corte è compromessa dal fatto che Augustine Paul, uno dei tre giudici della giuria che tratta il caso, ha emesso una sentenza contro RPK nel 2001 come “minaccia contro la sicurezza interna”. RPK aveva diffuso online dei commenti che biasimavano il giudice per il ruolo svolto nel processo di corruzione di Anwar Ibrahim – commenti poi ampiamente circolati su Internet.

La Malesia ha ratificato la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, quindi tali violazioni della libertà non possono continuare. Questa situazione minaccia il ruolo della legge in Malesia e offre un'immagine internazionale del vostro Paese estremamente negativa. Nell'attuale contesto, sembra chiaro che questa è una manovra politica per ridurre al silenzio RPK e fare pressione sui leader della società civile malese.

RPK (des) e la moglie, Marina (sin)

RPK (a destra) con la moglie Marina (a sinistra)

Pochi giorni prima della lettera di Jilliard, RPK aveva scritto sul suo blog: [in]

Ad ogni modo, so per certo che non è stato il Primo Ministro Abdullah Ahmad Badawi ad aver ordinato il mio arresto. Non sapeva neppure che fossi stato imprigionato. L'ordine è venuto dal Vice Primo Ministro Najib Tun Razak e visto che mi sto dando molto da fare per evitare che possa diventare Primo Ministro il 1° aprile 2009, non posso biasimarlo per volermi allontanare.

I miei amici e la mia famiglia vorrebbero che lasciassi il Paese e cerchi asilo politico in un altro paese. Ritengono che io possa ancora continuare la mia lotta in terra straniera. Ma non sono d'accordo con quanto mia moglie mi supplica di considerare. Non mi arrendo e non scappo. Rimarrò e combatterò fino alla fine, dovesse essere l'ultima cosa che faccio.

Se devo perdere la mia libertà, così sia. Questo è il prezzo che paghiamo per opporci all'attuale potere. Ma non me ne andrò in silenzio né farò alcun accordo per assicurare il mio rilascio con quanti vivono nelle stanze del potere.

 

Queste note sono giunte alcuni giorni prima che la corte federale rifiutasse la domanda [in] del redattore di Malaysia Today di ricusare il giudice Augustine Paul dall'esaminare il suo appello per l’Habeas Corpus [it].

i giudici Nik Hashim Nik Ab Rahman e Zulkefli Ahmad Makinuddin nella loro decisione hanno spiegato che la richiesta di ricusare Paul non aveva alcun fondamento.

Ciò nonostante, Malik Imtiaz Sarwar, avvocato di Raja Petra, ha precisato che RPK aveva criticato Paul per il suo ruolo come giudice dell'alta corte nel processo di corruzione di Seri Anwar Ibrahim nel 1998 e che lo stesso giudice aveva rifiutato la domanda di RPK di applicazione dell'Habeas Corpus nel 2001 (in seguito la Corte Federale lo aveva liberato).

“Il mio cliente ha ripetutamente messo in discussione l'integrità del giudice Paul. E adesso spetterà a quest'ultimo decidere sul suo caso”, sembra abbia detto Malik. La corte, dopo il rifiuto della domanda di ricusazione, ha invitato Paul ad unirsi alla giuria per ascoltare le altre tre richieste di Raja Petra.

Raja Petra aveva sottoposto a una giuria di 5 o 7 giudici l'appello in base del fatto che il caso riguarda complesse questioni costituzionali. La domanda è stata respinta.

Sono state respinte anche le sue richieste di includere nell'appello l'affidavit supplementare così come gli atti del suo processo di sedizione, su cui il sostituto procuratore Tun Majid Tun aveva fatto obiezione.

Malik Imtiaz, che vanta un'ampio pubblico per il suo blog legale e politico, “Disquiet” [it], ha informato la corte che Raja Petra voleva ritirare il contro-appello.

Il processo per le accuse di diffamazione criminale contro RPK cominceranno nella sessione penale del 26 maggio 2009. Sono stati previsti 3 giorni per il processo, con la prevista testimonianza [in] di otto persone. RPK è accusato di diffamazione ai danni della moglie del Vice Primo Ministro, Datin Seri Rosmah Mansor, Lt-Col Norhayati Hassan e suo marito, Lt-Col Abdul Aziz Buyong, avendo rilascianto una frase diffamatoria in una sua dichiarazione.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.