chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Tunisia: censurata una rivista d'opposizione?

La scorsa settimana il governo tunisino ha censurato il giornale El Mawkef. Sul blog censurato Tunisia Watch [fr] scrive:

Le rédacteur en chef de l'hebdomadaire “Al Mawkef”, Rachid Khéchana, a accusé vendredi les autorités tunisiennes d'avoir procédé à une “saisie déguisée” du dernier numéro de son journal, organe du parti démocratique progressiste (PDP), une formation de l'opposition légale. Les autorités ont aussitôt démenti cette accusation qu'elles qualifient de “fausses allégations”.

Selon M. Khéchana, des pressions auraient été exercées sur la société privée de distribution pour qu'elle ne livre aux kiosques que deux exemplaires à chacun. Dans un communiqué transmis à l'Associated Press, il considère cette “mesure répressive” comme “une atteinte à la liberté de la presse et une sanction contre tout journal qui s'attache à sa ligne indépendante”.

Les autorités soutiennent cependant que ce journal “parait régulièrement et est distribué à travers le pays sans restrictions aucunes, à l'instar de tous les autres organes de presse”. “Tous les partis de l'opposition en Tunisie exercent leurs activités politiques et médiatiques en toute liberté”, affirme une source gouvernementale. (AP – 14.03.2009)

Venerdì [13 marzo] il direttore del settimanale Al Makef ha accusato le autorità tunisine di aver condotto una “confisca sotto banco” dell'ultimo numero della rivista, portavoce del Progressive Democratic Party (PDP), movimento politico d'opposizione. Le autorità hanno immediatamente rigettato l'accusa definendola una “falsa illazione”.

Secondo Mr. Khechena, l'azienda privata di distribuzione avrebbe ricevuto delle pressioni affinché consegnasse solo due copie per edicola. In un comunicato ufficiale inviato alla Associated Press, il giornalista considera tali “misure punitive” un “attacco alla libertà di stampa e una sanzione contro qualsiasi testata che adotti una linea editoriale indipendente.”

Tuttavia le autorità sostengono che la rivista sia regolarmente in vendita e distribuita in tutto il Paese senza alcuna restrizione, come ogni altra testata. “Tutti i partiti d'opposizione in Tunisia operano in un clima di assoluta libertà politica e d'informazione,” ha dichiarato una fonte governativa. (AP – 03.14.2009)

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.