chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Kenya: “zoo per ghepardi” in una riserva naturale?

In una riserva naturale fra le più belle del Kenya è in corso una vicenda che il quotidiano Standard [in] definisce la replica della saga sulla foresta Mau [it]. Pare che due imprenditori spagnoli abbiano ottenuto la concessione della durata di 50 anni del territorio Koyaki, contrassegnato come lotto 79, dove verrà costruito uno zoo per ghepardi finalizzato alla riproduzione controllata della specie, con accesso alle auto e delimitato da una recinzione elettrificata. Il tutto nel bel mezzo della più famosa area di conservazione della fauna selvatica nel Paese, Masai Mara [it]. Il blog Fodors [in] pubblica una lettera di Riccardo Orizio che spiega l’iniziativa dando maggiori, e inquietanti, dettagli. Innanzitutto, per realizzare un tale programma sarà necessario catturare gli animali, che ora vivono allo stato brado, metterli a contatto con esseri umani e sistemarli nelle gabbie per tenerli in cattività. Una volta separati i maschi riproduttivi dalle femmine, e le femmine con cuccioli dal resto del branco, saranno esposti al pubblico in 24 gabbie recintate da rete metallica con l’estremità superiore ripiegata all’interno per evitare che scappino, grandi poco meno di 100 metri quadrati ciascuna. I timori e i dubbi sull’efficacia e sul reale beneficio del progetto sono legittimi e il Kenya Wildlife Service ne ha bloccato l'attuazione. Mara Triangle [in] intende verificare se i lavori si sono fermati per davvero.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.