chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Qatar: capire meglio e relazionarsi con gli uomini locali

L'emirato del Qatar [it], nel Golfo Arabico, conta una popolazione di circa un milione di persone, la maggior parte delle quali non ha la cittadinanza. Sembra che diversa gente emigrata in Qatar per motivi di lavoro abbia la sensazione che i locali siano piuttosto distaccati. Alcuni recenti post cercano di sfatare il mito secondo cui sarebbe difficile instaurare relazioni soprattutto con i cittadini di sesso maschile.

Proud di Mohammed Nairooz.

"Proud". Foto di Mohammed Nairooz.

Yousra Abdelaal, inglese residente in Qatar, ha scritto un post intitolato The Truth About Qatari Men sul blog Qatar Visitor [in]:

Molti stranieri hanno delle concezioni sbagliate sugli uomini del Qatar. Li ritengono inavvicinabili, poco propensi a parlare e socializzare, rendendo impossibile farne la conoscenza. Diversi conoscenti espatriati qui mi hanno detto che quando vedono i qatarini con il thowb [it] e il ghetra [it] hanno la sensazione che questo loro abbigliamento costituisca una barriera, tra loro come cittadini e gli espatriati in quanto stranieri. […] La verità è che la maggior parte degli uomini del Qatar è avvicinabile e, quando ci si parla, interagisce e socializza. […] Secondo gli stranieri, il tipico qatarino indossa occhiali da sole, porta una penna costosa nel taschino del suo thowb, possiede l'ultimo modello di cellulare, un'auto appariscente o una Landcruiser. Quest'immagine ci fa pensare che sia ricco e abbia uno stile di vita agiato e sfarzoso. Ma, pur se parecchi qatarini sono ricchi, la maggioranza è semplicemente come tutti noi. Molti uomini in realtà affrontano comunissime ristrettezze finanziarie. Di tutte quelle vistossime auto, molte vengono acquistate grazie a prestiti bancari e le penne e gli occhiali da sole spesso non sono autentici. L'immagine di perfezione che proiettano all'esterno è dovuta alla mentalità tipica degli uomini qatarini, dominante a livello collettivo e individuale: in realtà si tratta di mascolinità e prestigio, e ogni qatarino guarda e, in un certo senso, giudica l'altro proprio come fanno le donne, per cui ogni uomo è perfettamente consapevole del proprio incedere, di come il suo thowb debba essere perfettamente stirato, quale macchina debba guidare e persino il modo in cui tagliare la barba. Assumiamo, sbagliandoci, che la maggior parte degli uomini viva delle ricchezze familiari e passi il tempo scorrazzando a bordo delle proprie auto e nei café. Si, una minoranza conduce questa vita, ma tutti gli altri hanno molte responsabilità sulle spalle. […] Dunque, il mio consiglio agli stranieri è quello di superare certe barriere e cercare di conoscere gli uomini qatarini.

Qatarino con la chiave di un'automobile. Foto di Bntal3nabi.

Qatarino con la chiave di un'automobile.
Foto di 'Bntal3nabi.

Su Mr Q Kei, cittadino del Qatar, dice di notare la differenza nel modo in cui la gente lo tratta quando indossa l’abito tradizionale [in]:

Ecco una sorta di riflessione dolorosa, il thowb [it] è un abbigliamento talmente bello, cucito e tagliato in modo da mantenerti fresco facendo circolare l'aria e, grazie al materiale e al colore (di solito bianco), bloccando il calore del sole. Mentre pensavo al thowb, ho riflettuto sui pro e contro a livello sociale. Noto che se indosso il thowb spesso nei negozi vengo trattato meglio, in altri negozi pensano che io sia ricco e gonfiano il prezzo. Perché tutto ciò? Questa è discriminazione allo stato puro. […] In particolare, ho notato che quando indosso il thowb e sono in ascensore, gli stranieri sono meno propensi a dire ‘buongiorno’ che quando indosso giacca e cravatta (cosa che faccio spesso). […] Sarà paranoia o pura coincidenza, sarà che osservo troppo, ma fidatevi, non sembro scontroso e di solito sorrido e dico sempre ‘Salam’ quando entro in un posto. […] La soluzione? Più stranieri dovrebbero indossare il thowb, in modo che non ci sia una linea netta a distinguere cittadini qatarini e non. Dopo tutto viviamo in un Paese di cui mi sento orgoglioso di dire che sta diventando più internazionale e tollerante (o almeno lo spero). Oh, e per quelli che stanno veramente pensando di comprare un thowb, fatelo! I qatarini saranno felici di vedere degli stranieri adottare la loro cultura e vi sentirete maggiormente a vostro agio!

.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.