chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Iran: la campagna elettorale vista da blogger-fotografi

Le elezioni presidenziali iraniane [in] si terranno il 12 giugno. Solo quattro uomini, sul totale di oltre 400 uomini e donne autoregistratisi, hanno ricevuto l'approvazione ufficiale dal Consiglio dei Guardiani [in] per la candidatura. Gli occhi attenti dei fotografi-blogger hanno catturato alcuni momenti e scene per le strade dell'Iran dove la gente promuove i candidati favoriti e le richieste politiche.

Maryam Majd ha pubblicato [in] numerose foto su Feminist School riguardanti la “presenza indipendente delle donne nello spazio elettorale.”

Donne ed elezioni in Iran

Su Feminist School leggiamo che “Tajrish sq. Emamzadeh Saleh (un santuario a nord di Tehran) e il memorabile Tajrish Bazaar hanno ospitato i membri volontari del “Movimento di coalizione delle donne”. Esse hanno entusiasticamente richiesto una presenza indipendente per le donne nello spazio elettorale della città. Il loro slogan era: “Votiamo per i Diritti delle Donne.” Obiettivo primario è che le autorità iraniane mettano fine a tutte le leggi discriminatorie contro le donne.

Donne ed elezioni in Iran

Anche Saba Vasefi ha catturato alcune istantanee di questo movimento in azione su Feminist School [far].

Donne ed elezioni in Iran

Infine sul blog Zoherpix Photo vediamo [far] come i sostenitori di Mahmoud Ahmadinejad [in] e di Mir Hussein Mousavi [in] vadano sventolando bandiere e immagini dei candidati preferiti:

Elezioni in Iran

Elezioni in Iran

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.