chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Iran: le foto delle proteste silenziose del movimento verde

In tutto l'Iran, i manifestanti continuano a protestare contro il risultato delle elezioni presidenziali del 12 giugno [in], che hanno proclamato vincitore Mahmoud Ahmadinejad [it]. I sostenitori dello sfidante di Ahmadinejad, Mir Hussein Mousavi [in], e molti altri iraniani che affermano di credere nel “cambiamento” continuano a utilizzare il colore verde come simbolo del movimento. Mousavi e Mehdi Karoubi [in], l'altro candidato riformista, chiedono di mantenere la calma e di manifestare pacificamente. Mentre la televisione di Stato iraniana non trasmette le immagini delle manifestazioni, i citizen media locali pullulano di foto significative. Hamed Saber ha pubblicato [in] molte foto sulla grande dimostrazione tenutasi mercoledì nella piazza Hafte tir, a Tehran. Queste foto rivelano la natura del movimento di protesta iraniano:

Silenzio Verde, o Protesta Silenziosa

hmd_61244

Non c'è tempo per riposare

hmd_58811

Creatività

hmd_60441

Le grandi masse

hmd_60641

Il “Che” incontra Mousavi

ham5

Kosoof ha anche pubblicato le foto del corteo di Teheran in cui erano presenti sia Mir Hussein Mousavi che Mehdi karoubi:

Movimento di Massa

kosof1

Mir Hussein Mousavi tra la gente

kosof2

La folla saluta Mehdi Karoubi

kos2

Giovedì, Mousavi ha tenuto un discorso [fa] in piazza Imam Khomeni, a Tehran. Lo accompagnava la moglie Zahra Rahnavard, che appare nella foto conclusiva.

mos1

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.