chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Ghana: new media nel futuro dei giovani

Abbiamo avuto l’opportunità di intervistare Michael Boampong, direttore esecutivo di Young People We Care [in] (YPWC), che ha sede a Kumasi. YPWC non è un’Ong come le altre e Michael non è un giovane come gli altri, in nessun senso. YPWC è un’organizzazione non governativa gestita dai giovani e per i giovani, che sfrutta i new media per creare legami fra individui e organizzazioni con ideali simili in tutto il mondo, allo scopo di accrescere le opportunità dei giovani ghanesi.

Benvenuto Michael, ci racconti qualcosa su di te?

Michael Boampong

Sono il fondatore e attualmente anche il Direttore Esecutivo di Young People We Care. Ho completato un corso di laurea quadriennale in scienze sociali presso l’Università di Cape Coast, specializzandomi in economia e geografia. La mia passione è creare spazi e opportunità per i giovani, ritengo che vadano responsabilizzati ora per garantire un futuro più promettente per tutti.

Sono anche membro del Consiglio consultivo del Parlamento Giovanile del Bangladesh e Rappresentante nazionale del Ghana per il progetto dell'UNICEF Rural Voices of Youth. Al momento sto svolgendo il servizio civile in Ghana con il Programma per lo Sviluppo delle Nazioni Unite.

Puoi dirci qualcosa in più sulla YPWC?

La YPWC [in], fondata nel 2005, è un’organizzazione diretta dai giovani e rivolta ai giovani, ha sede centrale in Ghana e uffici satellite nel Regno Unito e in Canada. L’organizzazione è gestita da giovani di età compresa tra i dieci e i trentacinque anni e da partner adulti che si occupano di questioni relative ai giovani e allo sviluppo in tutto il mondo.

Quali sono i principali obiettivi della YPWC?

Vogliamo fondamentalmente educare, informare e favorire la partecipazione dei giovani alle questioni globali, costruire collaborazioni sostenibili volte alla crescita dei giovani, per fornire loro gli strumenti e le risorse necessarie affinché possano agire in modo indipendente.

Crediamo che sia solo informando e impegnando i giovani che potremo ispirarli a partecipare e ad agire per migliorare le loro comunità locali. Ad esempio, grazie al patrocinio della Disney, abbiamo ad esempio organizzato dei workshop per sviluppare capacità di comunicazione e giornalismo in zone remote del Ghana. La cosa potrà stupire, ma è eccezionale vedere giovani di tali aree organizzarsi e rispondere a questi input.

Riteniamo che sia questo il modo in cui possiamo cambiare il mondo, per questo cerchiamo di creare una piattaforma dove i giovani possano tradurre in azione ciò che hanno appreso e coinvolgerli nel prendere decisioni riguardanti questioni chiave di livello mondiale e relative allo sviluppo.

So che hai organizzato un programma di volontariato online che ha riscontrato molto successo. Come funziona?

Questo programma consente ai volontari di fornire supporto e assistenza “virtuali”, in altre parole, fanno volontariato tramite internet. Il programma di volontariato virtuale è innovativo e naturalmente efficace dal punto di vista del costo per tutte le persone coinvolte. I volontari possono lavorare da qualsiasi parte del mondo e non devono viaggiare fino in Ghana solo per dare una mano; possono fare volontariato in pigiama nelle loro stanze ovunque si trovino.

Quando è iniziato il programma?

Il programma di volontariato online è iniziato nel 2006 grazie al progetto di Volontariato Online delle Nazioni Unite [in]. Come si può vedere, il sito è diviso in due parti: una è diretta ai volontari e l’altra alle organizzazioni.

Quali sono state le motivazioni alla base della tua decisione di creare un programma di volontariato online?

Quando ho fondato la YPWC, i partner si fidavano poco delle capacità del nostro team poiché non potevamo ancora contare su nessuna esperienza manageriale. Quando ci siamo resi conto che sarebbe stato difficile raccogliere fondi per dare inizio all’attività dell’organizzazione, ho deciso di chiedere assistenza a esperti online per aspetti quali la creazione del sito web e altri documenti che altrimenti ci sarebbero costati davvero molto. È stato in quel momento che mi sono imbattuto nel programma di Volontariato Online delle Nazioni Unite [in], che si è rivelato molto utile per la YPWC. Al momento la newsletter mensile e gli aggiornamenti del sito web della YPWC vengono realizzati da tali Volontari. Riconoscendo l’importanza di questi contributi, ad agosto 2008 i VNU (Volontari delle Nazioni Unite) hanno dedicato un articolo della newsletter [in] alla YPWC . L’assistenza e le competenze forniteci dai volontari virtuali hanno davvero cambiato il volto dell'organizzazione, fornendo maggiori opportunità e benefici sia a noi che ai nostri collaboratori, nonostante i pochi fondi donatici da enti e singoli individui. Lavoriamo ancora con i volontari online.

Come funziona?

A volte pubblichiamo richieste di posti volontari online sul sito ufficiale della YPWC, o sul sito del Volontariato Online delle Nazioni Unite [in]. I volontari interessati che rispondono ai nostri criteri per uno specifico progetto o lavoro vengono contattati, poi forniamo loro un programma di lavoro definitivo e tutti i dettagli di cui possono aver bisogno. La cosa bella è che possono starsene in una città piccola o grande, in qualsiasi parte del mondo, e fornire da lì il proprio contributo. Si può lavorare senza uscire di casa; serve solo un computer con accesso a internet. Abbiamo un gruppo online dedicato ai volontari, dove questi chiacchierano, si confrontano e fanno progetti.

Di cosa si occupano i volontari?

Negli scorsi mesi i nostri volontari online ci hanno aiutato a creare newsletter bimestrali, moderare discussioni attinenti alle tematiche dell’immigrazione, correggere documenti e realizzare e gestire il sito web. Attualmente stanno anche partecipando alla creazione di una Guida all’Azione Giovanile.
Qualora qualcuno volesse saperne di più, può contattare Shimrit Janes, uno dei nostri responsabili, all’indirizzo Janes@ypwc.org.

Come comunicate fra di voi?

Comunichiamo via e-mail e anche attraverso i social network. Per questioni urgenti ci avvaliamo anche di Skype o di programmi di chat.

Qual è il tuo ruolo nel gruppo online?

Lavoro con lo staff dello YPWC per creare le condizioni in cui poi lavoreranno i volontari online, offro assistenza se hanno bisogno di ulteriori dettagli sulle opportunità offerte, fornisco gli input necessari per esser certi che strumenti e materiali siano rispondenti agli obiettivi del progetto loro assegnato.

Da dove provengono i volontari?

Provengono da tutto il mondo: Regno Unito, Canada, Camerun, Filippine, Bangladesh, Nigeria, Bulgaria, India e USA.

Hai menzionato il lancio di un blog, ce ne puoi parlare?

Sappiamo che i blog sono uno strumento molto efficace per condividere e diffondere conoscenze e idee, specialmente fra chi di solito non ha “voce”, il che spesso equivale a dire i giovani. Per questo il Blog della YPWC [in] è stato creato per raggiungere uno dei nostri maggiori obiettivi: fornire una “voce giovane” per i leader del futuro.
Incoraggiamo il personale della YPWC, volontari e amici a scrivere e partecipare alle discussioni riguardanti le aree tematiche in cui opera la YPWC [in], quali gioventù e immigrazione. Speriamo divenga una piattaforma dove mostrate regolarmente il lavoro svolto dalla YPWC e dai suoi collaboratori.
Invitiamo tutti a visitare il blog e scrivere articoli. Se siete interessati, date un'occhiata al nostro documento informativo [in] per maggiori dettagli.

Come funzionerà? Chi lo gestisce? Cosa sperate di raggiungere?

Stiamo cercando contenuti originali. Abbiamo redatto delle linee guida che verranno fornite una volta dato il consenso a pubblicare i post; queste riguardano i soliti requisiti, come ad esempio la richiesta di autorizzazione dei detentori dei diritti di copyright per pubblicare material protetti e la verifica della veridicità dei fatti. Acconsentiamo che i post del nostro blog vengano pubblicati altrove, purché la YPWC venga accreditata e che compaia un link al post originale nel nostro blog.
Il blog è gestito dal Manager della Comunità online della YPWC e può essere contattato all’indirizzo Oluwakorede.Asuni@ypwc.org .

Collaborate con altri blogger ghanesi?

Per adesso non siamo in contatto con altri blogger ghanesi, ma speriamo di farlo presto. Abbiamo ricevuto iscrizioni da blogger nigeriani, cosa ottima.

Usate altri media sociali come Twitter o altro? Se sì, quali?

Al momento, il nostro network sociale più attivo è Facebook. Qui [in] c'è la nostra pagina.

E per quanto riguarda il tuo futuro, Michael?

In futuro spero di specializzarmi sulle tematiche dell'immigrazione e continuare a rimanere in contatto con i giovani di tutto il mondo allo scopo di agire per il cambiamento.

Grazie per aver voluto condividere con noi la tua fantastica esperienza di lavoro con i giovani ghanesi e per averci raccontato come stai sfruttando al meglio i new media.

1 commento

  • Mi chiamo Emmanuelle Awhasson ho bisogno del vostro aiuto per trovare mio padre per favore aiutatemi si chiama Emmanuel awhasson grazie

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.