chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Malaysia: “dov'è la democrazia?”

'Dov'è la democrazia' in Malaysia?

Due settimane fa il Primo Ministro della Malaysia, Najib Abdul Razak [in], ha festeggiato i primi cento giorni [in] alla guida del governo. Molti dei suoi elettori hanno deciso invece di celebrare l'evento chiedendo “Dov'è la democrazia?” in Malaysia. I critici ritengono che il Primo Ministro abbia minato il sistema di governo democratico del Paese.

Il blog 711whereisdemocracy [in] è stato creato per incoraggiare i cittadini malaysiani a sostenere la campagna di protesta:

Come la portiamo avanti? Con una semplice domanda: “dov'è la democrazia?”. Dopo 100 giorni la stiamo ancora cercando, la desideriamo e lottiamo ancora per averla.

Come ‘porre’ tale domanda? Stampala o scrivila su un foglio di carta. Sventola il foglio davanti a un edificio significativo – una stazione di polizia, il palazzo del Parlamento, il palazzo dell'Assemblea degli Stati federati, l'ufficio del consiglio locale, etc. e fatti una foto.

Chi vuole può anche pubblicare tale foto su Facebook [in]. La campagna è stata diffusa dal movimento 1BlackMalaysia [in] (riprendendo lo slogan 1Malaysia [in] usato da Najib):

Sarà un messaggio di disobbedienza civile pacifico ma potente per far capire che noi cittadini siamo i capi dei politici e che nessun politico che si mette contro l'opinione pubblica può scampare alla punizione durante le elezioni successive. La disobbedienza civile è un atto pacifico a cui ogni cittadino si può unire per fare la differenza.

'Dov'è la democrazia' in Malaysia?

Anche Lepak [in], dal Giappone, ha partecipato alla protesta virtuale:

Apparentemente non c'è Democrazia in Malaysia quindi bisogna cercarla in altri Paesi! hahahaha, in Giappone… forse c'è democrazia… forse no…

Anche Huichun [in] è alla ricerca della democrazia in Malaysia:

Come vorrei che la Democrazia in Malaysia fosse conveniente e accessibile come gli onnipresenti supermercati 7-Eleven!

Shakuntala [in] commenta:

Anche tu stai ponendo una domanda importante, “Dov'è la democrazia?”; peccato, ma non si riesce a trovarla da nessuna parte. È una risposta sconsiderata? no, sembra che i nostri leader abbiano ingannato il mondo dicendo che siamo una vera Democrazia. O forse esiste solo per chi è ricco e famoso.

'Dov'è la democrazia' in Malaysia?

Tutte le foto sono state gentilmente concesse dal blog 711whereisdemocracy.

1 commento

  • La Malesia e’ uno dei paesi piu democratici al mondo e che interpreta la arola “democratico” molto meglio di quanto non la interpretino gli americani (basta vedere le modalita’ di elezione dei loro presidenti, le carceri e la pena di morte) e degli inglesi (una monarchia vecchia di secoli dove una delle due camere e’ nominata a vita dalla regina).
    E’ l’unci esempio al mondo di convivenza civile tra razze e religioni diverse che riescono a vivere senza arrivare al conflitto come successo in Kosovo, ex Jugoslavia, Iraq….. in tutti questi posti abbiamo portato la “nostra democrazia” ed i risultati sono davanti agli occhi di tutti: stragi, morti, distruzione e poverta?
    La democrazia e’ LA PIU STRUMENTALIZZATA delle parole.
    Da un paio fdi anni in Malesia e’ in atto un’opera di destabilizzazione di quelle gia viste in tanti paesi del mondo dove, attraverso la stampa e la tv si continuano a ripetere slogan gia’ fatti con l’unico scopo di creare il malcontento diffuso (stile italiano) in maniera da rendere traballante chi governa e renderlo cosi ricattabile attraverso la minaccia di campagne stampa mirate.

    GRAZIE PER QUESTA GOVERNABILITA MONDIALE

unisciti alla conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.