chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Giappone: rilanci sulla legge che vieta i cellulari ai bambini nella provincia di Ishikawa

Da quando, il 29 giugno scorso, la prefettura di Ishikawa [it] (500 km a nord di Tokyo) ha approvato la prima di una serie di norme nazionali per limitare l’uso del telefono cellulare a bambini e ragazzini, la blogosfera brulica di opinioni su ciò che sia giusto o meno rispetto al tema bambini e cellulari.
L’articolo 33 del “Decreto generale sui bambini di Ishikawa” [pdf, giap] afferma che “i tutori hanno il dovere di cercare di non consentire ai propri studenti delle scuole elementari, medie e soprattutto degli istituti di sostegno il possesso di telefono cellulare, eccetto che nella prevenzione di disastri naturali, reati e altri scopi eccezionali.” La legge entrerà in vigore a partire dal primo gennaio 2010.
Chuei, sul Mainichi Blog [giap], dubita dell’efficacia di questa norma:

これによって、「子供の携帯電話を解約しよう」とか考える親は余りいないだろうね。大体、携帯電話でもパソコンでもウェブ閲覧やEメールができるのに、何で携帯電話だけ規制なんだろうね?携帯電話の通話機能がいけないとも思えない。

家庭用の火災報知器を設置する義務も、罰則が特にないために設置が進んでいないようだし、この条例が施行された所で効果のほどは知れているだろう。多分今後携帯電話が絡んだ小中学生の事件が発生した時の県の言い逃れ(学校に責任なし)とか、そういうことに利用されそうな条例だ。

Scommetto che nessun genitore pensa di annullare il contratto del cellulare dei propri figli per via di questa norma. Perché regolarizzare soltanto i telefonini, quando invece è possibile mandare e-mail e navigare su internet sia con i cellulari sia con il computer? È difficile credere che il provvedimento possa limitare solo le funzioni di chiamata del cellulare.
Non mi aspetto grossi effetti da questa norma poiché non è prevista alcuna pena o multa particolare, proprio come avviene per l’obbligo di installare sistemi antincendio nelle case. Forse questa legge potrebbe essere applicata in futuro, in caso di incidenti che implichino studenti delle scuole elementari e medie e l'uso dei telefonini, quando dovrà intervenire il governo della prefettura (ovvero, quando la scuola non ha responsabilità).

Usagi Inu su Manya Hompo [giap] ritiene che l’uso dei telefonini con carta prepagata risolverebbe tutti i problemi:

私が思うには、ネットに繋がらないプリペイドの携帯電話を持たせたらいいと思います。プリペイド携帯は決められた度数を越えて使う事ができないため、使いすぎを防止するにはいいと思います。

しかし、不景気の時勢に親が子どもの携帯電話の料金を払うなんて時代が変わりました。自分が子どもの頃は携帯もなく、親に連絡する時は小銭を持ち歩いて公衆電話を探していましたけど、今では公衆電話を探すのに苦労するから、子どもに携帯電話を持たせるのも仕方ないのでしょうか。

Penso che la soluzione possa essere l'uso di telefonini prepagati senza accesso a Internet. Non potendo andare oltre il limite prestabilito, se ne impedisce ogni eccessivo utilizzo.
Comunque, i tempi sono cambiati per i genitori che devono pagare per i cellulari dei figli in periodi di recessione. Quando ero piccolo io, i telefonini non esistevano. Dovevo andare alla ricerca di un telefono pubblico a gettone se volevo contattare i miei genitori. Beh, oggigiorno è difficile trovare telefoni pubblici, così diventa inevitabile dare un cellulare ai figli.

Un convinto sostenitore della telefonia mobile su SATT [giap], azienda che fornisce materiale educativo inclusivo di lezioni online, sostiene di essere contrario a questo provvedimento:

持つこと自体を禁止してしまうと、たとえば「公教育の中にケータイを取り入れる」といった試み自体ができなくなってしまいます。

Se si vieta il possesso del portatile in quanto tale, si distrugge l’opportunità di nuove iniziative come l’uso del cellulare all’interno dei programmi di studio della scuola pubblica.

Aggiunge poi che i promulgatori della legge avrebbero dovuto puntare più sulle potenzialità che sui limiti [del cellulare]:

ケータイは、日本においてこれだけ普及し、データ通信部分も含め世界に誇れる技術の固まりなので「制限」から入るのではなく、「何ができるのか」といった可能性に目を向けてほしかったと思います。

Considerando che i telefonini in Giappone sono assai diffusi e che la tecnologia, compresa la comunicazione di dati, è all'avanguardia nel mondo, avrei preferito che ne avessero sottolineato le ‘opportunità dell'utilizzo’ piuttosto che ‘limitarlo’.

Questo padre di due ragazzi, Kimme [giap], non riesce a comprendere perché i bambini abbiano bisogno del telefonino così presto:

我が家は長男が携帯を持ったのは大学に入ってからだ。次男はプリペイド携帯を持たせているが、インターネットを利用出来るようなプランには一切なっていない。いや、別に長男にしろ次男にしろ、自分でバイトして携帯代金払えるなら使って良いと私は思っている。
でも、小学校や中学校の間ははっきり言えば、必要ないと思っていたりする。こんな条例が出来る前から、我が家じゃ小中学生に携帯持たせる気なんてさらさらない訳だ。
でも、条例が出来ちゃうぐらいなんだから、持ってる子供もそれなりにいるって事なんだろう。
防犯の目的で携帯を持つって意味が個人的にはわからない。いや、確かに迷子になって携帯持ってたら探せたりするかもしれない。不審者に連れ去られたら連絡が出来るのかもしれない。塾の帰りが10時とかだったりするのかもしれない。
でも、防犯のタメに携帯を持たなくちゃならない社会の方が間違っていると私は思うのだけれど。

それよりも、小中学生に携帯電話を持たせる事で引き受けるリスクの方が、よほど大きいとは思わないのだろうか?

Mio figlio maggiore ha avuto il telefonino per la prima volta quando è entrato all’università. Al fratello minore abbiamo regalato un telefono prepagato, ma il piano non prevedeva niente di speciale, nemmeno la possibilità di collegarsi a Internet. Penso che tutti e due potrebbero acquistare i servizi telefonici che preferiscono se lavorassero part-time e pagassero la bolletta da soli.
Ad ogni modo, nelle scuole elementari e medie non ce n’è assolutamente bisogno. Anche prima che passasse il provvedimento non avevamo alcuna intenzione di dare un cellulare a figli così piccoli nella nostra famiglia.
Credo comunque che l'approvazione di questa norma sta a significare che siano molti i bambini a possedere un cellulare.
Ciò che non capisco è cosa significhi avere il portatile per prevenire il crimine. Allora, se si smarrissero, allora un telefonino potrebbe essere d’aiuto. Forse potrebbe tornare utile anche se un bambino fosse rapito. O magari per farmi sapere che rientrerà a casa alle 10 di sera dopo il dopo-scuola (in scuole private).
Ma penso che la società sbagli a chiedere a un bambino di portare con sé un telefonino a scopo di prevenzione del crimine.
Al contrario, non pensate che sia un rischio molto più grande dare un telefono cellulare ai bambini delle scuole elementari e medie?

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.