chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

New York: 30 moschee in 30 giorni

Aman Ali e Bassam TariqA New York due giovani, Aman Ali e Bassam Tariq, stanno concludendo il viaggio in cui documentano la visita a “30 moschee in 30 giorni” [in] che è anche il nome del loro blog.

Questo progetto personale di visitare e fotografare l'interno delle moschee durante il sacro mese del Ramadan [it] (nel quale i musulmani digiunano dall'alba al tramonto) ha richiamato l'attenzione della TV locale di New York NY1 [in].

Il primo post del blog è datato 22 Agosto [in] e dice:

Primo Giorno: Comincia il viaggio [in]

Stanotte io e il mio amico Bassam Tariq abbiamo avuto un'idea insanamente originale: perché non andiamo a pregare in una moschea diversa per ogni giorno del mese del Ramadan? Ecco com'è nato questo sito Web…

Secondo una ricerca della Columbia University [in], New York conta circa 600.000 (un milione secondo la televisione locale NY1) musulmani con culture e appartenenze etniche diverse.

Generalmente la gente non va a visistare le moschee di altri gruppi etnici, ma Aman e Bassam (entrambi originari dall’ Asia Meridionale) dicono di essere stati accolti ovunque con sorrisi e caldi benvenuti.

Nono giorno: Masjid Aqsa [in] (Moschea dell'Africa Occidentale a Manhattan)

Oggi ho deciso di rimanere nel mio quartiere e di visitare la Masjid Aqsa. La moschea si trova un paio d'isolati a sud del mio appartamento all'incrocio tra la 116ima e Frederick Douglas. La comunità è prevalentemente dell'Africa Occidentale; si dice anche che in quest'area risieda il gruppo senegalese più numeroso di New York.

Nona giornata: Masjid Aqsa (Moschea dell'Africa Occidentale a Manhattan)

Come per le altre moschee di Manhattan i venditori circondano l'ingresso offrendo un po’ di tutto, dai datteri Madani ai calzini Nike. Uno dei banchetti più interessanti vendeva pesce secco.

Undicesimo giorno: Masjid Al-Hikmah [in] (Moschea indonesiana nel Queens)

Amo gli indonesiani tanto quanto la loro cucina. Abbiamo rotto il digiuno con dei datteri e questa persona con la maglietta blu (vedi foto) ci ha servito una buonissima zuppa indonesiana.

Undicesimo giorno: Masjid Al-Hikmah (Moschea indonesiana nel Queens)

Trascendere le differenze culturali non è sempre facile.

Nel dodicesimo giorno [in] del viaggio Bassam descrive apertamente i suoi pensieri quando ha dovuto scegliere tra due moschee di Brooklyn situate a pochi isolati di distanza: una bengalese e l'altra dell'Africa occidentale.

Date le sue origini asiatiche, la moschea bengalese avrebbe rappresentato l'opzione più facile, ma grazie all'incoraggiamento di un amico Bassam ha deciso di accettare la sfida personale più importante.

Dodicesimo giorno: Masjid Tawhid Inc. [in] (Moschea dell'Africa occidentale a Brooklyn)

… Le cose non sembravano cosi imbarazzanti all'inizio. Di fatto è stato dal momento in cui mi sono chiesto come il resto della congregazione percepisse la mia presenza che ho cominciato a sentirmi fuori posto. Mi sono sentito uno scroccone, uno che mangia tutto quello che gli viene offerto e lascia la festa all'improvviso poco dopo. Se vuoi, un pessimo esibizionista. Sebbene nessuno nella moschea si sia sentito in quel modo, mi chiedo se qualcuno si sia mai domandato: “Perché non è andato semplicemente alla moschea bengalese?” Forse sono le mie insicurezze personali che hanno suscitato tale reazione.

Masjid

Ventiduesimo giorno: Centro Culturale Islamico Albanese [in] (Isola Staten )

… La moschea ha un proprio cuoco che prepara il cibo, che Allah lo ricompensi per il suo talento.

Centro Culturale Islamico Albanese

Ma la vera esperienza nella moschea non è stato il cibo. Ci siamo seduti in mezzo a molti dei ragazzi piu’ giovani facendo domande e raccogliendo informazioni sulla comunità…

Centro Culturale Islamico Albanese
…Una cosa che mi fa tanto piacere è vedere i ragazzini venire alla moschea perché amano trascorrere il tempo li e non perché vi vengono trascinati dai genitori. Sono ragazzi come questi che mi rendono felice rispetto alla direzione che sta prendendo l'intera comunità musulmana di questo Paese.

Il mese del Ramadan si conclude oggi 19 settembre.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.