chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Cambogia: premio per l'attivismo contro la schiavitù sessuale

Sina Vann aveva 13 anni quando lasciò il Vietnam per la Cambogia, per quella che doveva essere una vacanza. Venne invece venduta come prostituta e costretta a vivere e lavorare per due anni in un bordello. Dal quale è stata poi liberata grazie a un raid organizzato dalla Fondazione Somaly Mam [in], organizzazione non-profit che lotta contro la schiavitù sessuale. Oggi Sina è un'attivista [in] della Fondazione Somaly Mam e aiuta chi come lei è sopravvisito alla schiavitù o quanti sono ancora forzati a lavorare nei bordelli.

Per il proprio impegno, Vann è stata premiata con il Frederick Douglass Award. Questo Premio [in] “onora l'incredibile resistenza e forza d'animo dell'essere umano e valorizza la decisione dei molti sopravvissuti alla schiavitù dell'era moderna nell'aiutare altri sul cammino verso la libertà.”

Il video che segue ci racconta in dettaglo la storia di Sina:

Sina Vann – Vincitrice del Frederick Douglass Award 2009 [in],
dal sito Free the Slaves [in] su Vimeo [in].

Recentemente le Nazioni Unite hanno approvato l'estensione di un anno del proprio mandato [in] per poter raccogliere ulteriori informazioni sul rispetto dei diritti umani in Cambogia. Secondo The Mirror [in], l'inviato speciale dell’ ONU al Consiglio dei Diritti Umani :

…ha espresso preoccupazione sulla situazione dei diritti umani in Cambogia. Secondo il suo rapporto la legge in Cambogia non viene rispettata…Inoltre ha menzionato il caso di una parlamentare del partito di Sam Rainsy – il maggior partito dell'opposizione del Paese – la Sig.ra Mu Sochua, ingiustamente condannata dai giudici sotto il controllo dal Partito popolare al governo, per aver osato protestare contro i potenti del Paese.

Sono stati rivolti altri appelli [in] all'inviato speciale dell'ONU, per non dimenticare tutte le donne e i bambini vittime della schiavitù sessuale in Cambogia, sottolineando come questa lotta debba rimanere prioritaria nell'ambito dei diritti umani rispetto ad altre violazioni dei diritti umani che stanno emergendo nel Paese, come quella della libertà d'espressione.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.