chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Egitto: da quando la Svizzera prende esempio dall'Arabia Saudita?

Domenica 29 novembre il 57.5% degli elettori svizzeri ha approvato il divieto [in] di costruire nuovi minareti sulle moschee, aprendo così la strada per una modifica costituzionale. Il referendum riguarda la costruzione di nuovi minareti (non delle moschee) e non i quattro già esistenti nel Paese. Jillian York [in] ha già riportato le prime reazioni [it] della blogosfera arabo-islamica. Ma il divieto continua a generare tensioni tra oppositori e sostenitori.

Mona ElTahawy pone un quesito [in] alla Svizzera e agli altri Paesi europei sedotti dai partiti di destra:

Da quando l'Arabia Saudita è diventato il vostro modello di riferimento?

Ben prima che il 57.5% degli elettori svizzeri vietasse la costruzione dei minareti, l'immagine tollerante della Svizzera era piena di buchi proprio come il suo formaggio. Quando il Partito Popolare Sudtirolese (SVP) [it] è salito al potere nel 2007 ha pubblicato un poster in cui una pecora bianca cacciava a calci dalla bandiera svizzera una pecora nera. La pecora era nera non perché ribelle – la destra non è così raffinata – ma per il colore della pelle e perché straniera.

I poster del SVP mostrati prima del referendum di quella domenica raffiguravano alcune donne coperte di nero dalla testa ai piedi, e sullo sfondo dei minareti di chiara forma fallica. Questo razzismo precede e si nutre di quella bigotterìa che ha animato il referendum.

Ancora infuriata dalla politicizzazione dei minareti, la ElTahawy prosegue:

I minareti servono per chiamare i fedeli alla preghiera, non per reclutare militanti di gruppi islamisti. Se l'SVP ritiene il richiamo alla preghiera troppo rumoroso, mi piacerebbe vederli mentre eliminano le campane dalle chiese.

Mohaly suggerisce [in] invece uno scenario diverso:

gli svizzeri avrebbero potuto dimostrare al mondo oggettività e coerenza e, invece di vietare la costruzione dei minareti, avrebbero potuto semplicemente apporre il prodotto di punta svizzero, “gli orologi”, su ogni nuovo minareto (date un'occhiata alla foto). Sarebbe stato un edificio stupendo e di pubblica utilità, senza doverlo rappresentare come un “missile islamico”!

Nawara Negm punta il dito contro i bigotti [ar]:

المنافقين في الدرك الاسفل من النار ما يجيش واحد يعمل عبيط على حرق تلات بيوت في سنة ونص على ناس بتصلي ولما يسمع عن منع المآذن في سويسرا يلطم ويصوت
Gli ipocriti saranno gettati nel girone più infimo dell'inferno! Qui abbiamo un personaggio che ha ignorato la notizia di tre case bruciate perché dei cristiani vi pregavano e che invece adesso piange disperato per il divieto dei minareti in Svizzera!

Nawara ricorda l'intolleranza passata di quanti adesso predicano la tolleranza:

انا عايزة اسمع رأي الناس اللي بتقول ان المسيحيين في مصر “مستفزين” وسهنات ومية من تحت تبن ونفسهم يرجعوا مصر مسيحية وبناء على كده فمنعهم من بناء كنائس وحرقهم ده “رد فعل” طبيعي لاستفزازاتهم المستمرة! …. انا عايزة اعرف رأي اللي بيبرر منع دور عباداتهم وحرق بيوتهم فعلا بقى في منع المآذن، مجرد المآذن، لا هدوا جامع ولا منعوا بناء جامع، بس منظر المئذنة مضايقهم، يا ترى إيه رأيهم دلوقت؟
Adesso voglio sentire quelli che definiscono i cristiani egiziani maliziosi, furbi e conniventi. Quelli che pensano che stiano tramando per trasformare l'Egitto in un Paese cristiano e che ritengono giusto dunque bruciarne le case e impedire loro di costruire i propri luoghi di culto. Voglio davvero sentire cosa hanno da dire sul divieto dei minareti – e sto solo parlando dei minareti! Non delle moschee!

Nel suo post [in], anche Mona ElTahawy tocca quest'argomento:

Il Gran Mufti [it] dell'Egitto, ad esempio, ha definito il divieto un “attacco alla libertà di religione”. Lo prenderei molto più seriamente se dicesse le stesse cose sui problemi che incontrano i cristiani egiziani per costruire chiese nel suo Paese. Devono ottenere un permesso di sicurezza solo per i lavori di restauro.

L'anno scorso, in Qatar è stata aperta la prima chiesa cattolica – senza croce, campana o campanile – facendo così diventare l'Arabia Saudita l'unico Paese del Golfo Persico che vieta la costruzione di centri di culto non islamici. In Arabia Saudita la vita è difficile persino per quei musulmani che non aderiscono alla setta ultra-ortodossa wahhabita [it]; gli sciiti [it], per esempio, sono quotidianamente vittime della discriminazione.

La bigotterìa deve essere condannata sempre e comunque.

Muslims against Sharia definisce divertente la dichiarazione del Presidente libico Gheddafi [in], secondo cui “il divieto svizzero dei minareti sia un invito agli attacchi di al-Qaeda.”

Ecco l'ipotesi per cui tutti gli atti terroristici jihadisti debbano essere una risposta a qualche sorta di provocazione (reale o immaginaria) dei non musulmani: dopo tutto, gli apologeti continuano a dirci che il jihad [it] “difensivo” va più o meno bene, con califfo o senza.

Il dittatore dall'acconciatura improbabile aggiunge scherzosamente: “Credo che d'ora in poi nessuno nel mondo islamico autorizzerà la costruzione di una chiesa.”

Si tratta di una battuta, ovviamente, dal momento che 1) il mondo islamico non ha accolto chiese e libertà di religione a braccia aperte finora e, 2) le restrizioni sulla costruzione di luoghi di culto non islamici sono contenute nel Patto di Umar [it], che costituisce un precedente notevole in favore dell'oppressione dei non-musulmani. Da questo punto di vista, il divieto dei minareti non vìola la libertà di religione né impedisce la costruzione delle moschee.

Shokeir, invece, segue attentamente le manifestazioni di insofferenza dei Paesi occidentali nei confronti dei simboli religiosi islamici [ar]:

الغرب بدأ يضيق بالإسلام ومايرمز له ، فتلك دولة ترفض النقاب وأخرى ترفض الحجاب في هيئات بعينها ، وتلك تدافع عن صور مسيئة ، وتلك ترحب بأفلام تسيئ للقرآن ، وأخيرا أخرى تضيق برؤية المآذن بعدما منعت من قبل رفع صوت الآذان
L'Occidente è stanco dell'Islam e dei suoi simboli; prima un Paese vieta il niqab [it], poi un altro proibisce lo hijab [it]. Uno si schiera a favore di immagini offensive e l'altro applaude film che sovvertono il significato del Corano. E adesso questo: dopo aver soffocato la chiamata alla preghiera, vietano direttamente i minareti.

Hassan El Helali, invece, non è così pessimista e rilancia uno dei commenti al suo post [ar]:

مبروك لسويسرا، و”هارد لك” للجماعات، إياها، التي تتعيش وتتكسب من تجارة الدين من المنظومة البدوية، وتتباكى على الحريات المسفوحة في ربوع أوروبا، وكأن البلاد التي فروا منها “تشرشر” الحريات منها “شرشرة”، وعلى “أبو موزة”. وإذا كانت أوروبا مستبدة ولا تحترم الأديان فلم لا يطلبوا اللجوء السياسي والإنساني في إمارة المحاكم الإسلامية في الصومال، وهناك سيتعرفون جيداً على معنى الحرية على أكمل وجه.
Congratulazioni Svizzera! E buona fortuna a “quelli” che vivono commercializzando la religione della propria organizzazione tribale. Quelli che piangono la libertà violata dei musulmani residenti in Europa, come se i Paesi da cui provengono – o dai quali sono scappati – fossero campioni di tolleranza. Bene! Se l'Europa è bigotta, perché non chiedono asilo politico e diritti in una colonia islamica della Somalia? – Di sicuro lì imparerebbero il vero significato della libertà.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.