chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Marocco: dure condanne per chi esercita la libertà d'espressione online

Lunedì scorso 14 dicembre, il blogger marocchino Bashir Hazzam (detto anche Hazem, Hazzem) e il proprietario di un Internet Cafè Abdullah Boukhou sono stati condannati, rispettivamente, a quattro mesi e un anno di reclusione dal tribunale di Goulmim. Hazzam è stato condannato “per aver diffuso false informazioni pericolose per l'immagine del regno rispetto ai diritti umani,” mentre la sentenza su Boukhou è stata motivata con ragioni simili e probabilmente comprende anche l'accusa di aver fornito uno spazio alle attività dei dissidenti.

Reporters Without Borders ha condannato [fr] le sentenze, affermando che “Bashir Hazzam e Abdullah Boukhou non hanno commesso alcun atto illegale. Bashir Hazzam ha solo postato una dichiarazione sul comportamento repressivo della polizia durante una manifestazione studentesca a Tarjijt, 200 km. a sud di Agadi. Abdullah Boukhou è accusato di avere inviato informazioni e foto su questi eventi. Invece di sbattere in galera queste persone innocenti, le autorità farebbero meglio ad indagare gli abusi commessi dai servizi di sicurezza locale.”

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.