chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Russia: voci infondate di taglio terroristico o libertà d'espressione?

Ivan Peregorodiev, 22enne studente di medicina e blogger, è stato arrestato il 3 dicembre per aver diffusione di voci circa la peste polmonare nella città di Saratov [it]. Le autorità lo hanno accusato di diffondere false informazioni connesse a un atto terroristico.

Il 2 dicembre, i blogger russi discutevano attivamente le voci secondo cui un'ampia fascia della popolazione di Saratov fosse stata colpita dal virus H1N1. Tali voci riferivano che le autorità avevano nascosto parecchie vittime causate dall'influenza suina e l'intera cittàstava per essere messa in quarantena [rus]. Più tardi, la gente ha iniziato a parlare di presunti casi di peste polmonare, imputandoli al locale istituto di ricerca “anti-peste”. La situazione è diventata così seria che il governatore di Saratov Pavel Ipatov [in] ha interrotto la sua visita in Bielorussia, tornando in città per far fronte alle proteste pubbliche.

Citando un post da un sito russo di social media, Ivan Peregorodiev, noto su LiveJournal come iperegorodiev (acconto temporaneamente sospeso), ha contestato la dichiarazione ufficiale che respingeva qualsiasi possibilità di peste polmonare:

Sembra che potremmo avere la peste. “I risultati dell'autopsia delle persone morte di influenza suina – che sono diventati di pubblico dominio – hanno causato panico. Secondo testimoni, i dati sulle condizioni dei polmoni somigliavano a quelli dei casi di peste polmonare descritti nella letteratura medica.” (http://smi2.ru/saratoff/c243648 [rus]) Le autorità dicono la verità quando respingono queste informazioni? Oggi hanno in programma di spargere dagli elicotteri la soluzione disinfettante contro la peste polmonare… P.S. E qui c'è un altro post: http://www.epidemiolog.ru/prof/index.php?SECTION_ID=&ELEMENT_ID=3868 [rus]

A qualceh ora di didtanza dal primo Peregorodiev ha publbicato altro post:

Cosa sta succedendo?

Signori, ecco le ultime notizie sulla situazione epidemica: gli elicotteri sono stati caricati con soluzione disinfettante. P.S. Le trame di film americani sull'Apocalisse diventano realtà.

I funzionari dell'amministrazione cittadina hanno negato qualsiasi voce sulla peste, ma hanno confermato 17 casi fatali di influenza suina. Le autorità hanno anche ammesso che gli ospedali cittadini sono affollati e i fondi di Saratov non sono sufficienti per acquistare il vaccino contro l'H1N1.

Alcuni blogger [rus] hanno ritenuto il messaggio di Peregorodiev simile a quello che ha scatenato il panico per l'influenza suina in Ucraina qualche mese fa. Come nel caso di Saratov, anche le voci in Ucraina parlavano di “elicotteri intenti a spargere soluzione disinfettante.”

La procura di Saratov ha subito annunciato [rus] di voler trovare i colpevoli di queste voci e Ivan Peregorodiev è stato il primo ad essere arrestato. È stato accusato di trasmettere “deliberatamente false informazioni connesse a un atto di terrorismo” (Articolo 207 del Codice penale russo). La procura non ha spiegato come le informazioni nei post del blog di Peregorodiev e le voci sulla peste polmonare fossero collegati a qualsiasi atto di terrorismo.

L'Istituto d'azione collettiva, organizazione russa non profit, ha iniziato una campagna [rus] per liberare Peregorodiev. Gli attivisti sostengono che mettendo in discussione una dichiarazione dei funzionari di Saratov, il blogger stava esercitato il proprio diritto alla libertà di parola.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.