chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Scettici del cambiamento climatico fomentati dalla divulgazione di e-mail

Alla vigilia del vertice a Copenaghen delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, la comunità scientifica che studia il riscaldamento globale è recentemente passata sotto i riflettori. Il motivo: centinaia di e-mail e documenti che abbracciano gli scambi tra i funzionari dell'Unità di ricerca climatica (CRU) dell'Università dell'East Anglia (UEA) tra il 1996 e il 2009, sono stati recentemente hackerati e pubblicati online, come confermato dal New York Times [en, come i link seguenti, salvo diversa indicazione].

Secondo gli scettici del cambiamento climatico, le e-mail offrono presumibilmente la prova che gli scienziati hanno manipolato i dati per far corrispondere le previsioni delle variazioni di temperatura fatte dai computer. Lo scandalo è già diventato popolarmente noto come “Climategate“, anche se molti scienziati e blogger insistono sul fatto che sembra essere un caso di tentata manipolazione politica.

Documenti hackerati

Le e-mail e i documenti sono stati pubblicati su un server russo e continuano a essere condivisi su molti siti web e sulle reti P2P.

Robert Graham, uno specialista della sicurezza informatica, ha pubblicato sul suo sito web Errata Security alcune ipotesi sull'hacker:

The data is oddly specific. Only Phil Jones e-mails were copied, and a lot of the data that was hacked is specific to certain climate controversies. If it was not an insider, it was certainly somebody familiar with the central debate about reproducibility of climate reconstructions. The fact that they posted the data to an anonymous FTP site in Russia also points to somebody who is active in the hacking community. This narrows things down. I suspect that at the end of the data, they'll find some sort of computer administrator working for CRU.

I dati sono stranamente specifici. Solo le e-mail di Phil Jones sono state copiate, e molti dei dati che sono stati hackerati sono specifici di alcune controversie climatiche. Se non si tratta di un insider, si tratta certamente di qualcuno che aveva familiarità con il dibattito centrale sulla riproducibilità delle ricostruzioni climatiche. Il fatto che i dati siano stati pubblicati su un sito FTP anonimo in Russia indica anche qualcuno che è attivo nella comunità degli hacker. Questo restringe il campo. Sospetto che alla fine dei dati troveranno una sorta di amministratore di computer che lavora per la CRU.

La CRU ha rapidamente riconosciuto il furto e l'autenticità dei documenti, attraverso la voce del suo direttore Phil Jones, uno dei principali partecipanti allo scandalo.

“Mike's Nature trick”

Gli scettici del cambiamento climatico hanno colto su Climategate come prova che c'è spazio per il dubbio sulla realtà del riscaldamento globale. Diversi blog e siti web di notizie si sono collegati alle e-mail “sospette”. Un'email di Phil Jones ha ricevuto il trattamento completo su diversi blog e siti web di notizie per aver menzionato qualcosa chiamato “Mike's Nature trick” che si riferisce a un “trucco” usato da Michael Mann per “mascherare un calo” (invece di un aumento previsto) della temperatura. “Hanno inventato i numeri?” chiede Sophie Verney-Caillat su Rue89.com [fr].

Gli scettici hanno la loro risposta. Jean S, sul sito web ClimateAudit, mostra grafici provenienti da diverse fonti che aiutano a illustrare le affermazioni di manipolazione dei dati.

Una manipolazione coordinata

Lubos Motl Pilsen, che sul suo blog The Reference Frame si descrive come un “fisico conservatore”, dice di aver letto attentamente i file e le e-mail. Egli vede le prove che lo scienziato non solo ha inventato i dati, ma ha anche manipolato le parti interessate. Ha trovato un file “che spiega 20 raccomandazioni per un buon propagandista”, su come “usare le emozioni”, sulla necessità di “collegare l'allarme con la ‘casa’ e non con le ‘regioni lontane’, e così via”. Inoltre, scrive, “i climatologi sincronizzano anche i loro sforzi per bloccare la pubblicazione di certi articoli, o addirittura eliminare una rivista (Climate Research) da una lista de facto di riviste peer-reviewed”.

Questo complotto per screditare la scienza del cambiamento climatico è stato reso possibile dai media mainstream, secondo i blogger che rimproverano la loro posizione. Vincent Bénard, sul suo blog Objectif Liberté (Obiettivo Libertà), descrive [fr] come i media (francesi) non sono riusciti a dare un seguito:

Par contre, il est tout à fait regrettable que les médias, et notamment les médias hexagonaux, adoptent sur ces questions, de façon quasi pavlovienne, la thèse des chercheurs du GIEC. Ils adoptent de ce fait une posture purement idéologique et oublient toutes les bases du journalisme sérieux: vérification de l'authenticité (faite par le New York Times et ses pairs anglo-américains), analyse, recoupements, et conclusions. Nos journalistes environnementaux écrivent d'abord la conclusion, puis l'habillent d'analyses à l'emporte pièce, en tenant pour acquis un seul point de vue et en dénigrant par avance toute opposition.

È un vero peccato che i media, compresi quelli francesi, saltino su queste domande sulla tesi degli scienziati dell'IPCC, in modo quasi pavloviano. La loro posizione è puramente ideologica e dimenticano tutte le basi del giornalismo: conferma dell'autenticità (da parte del New York Times e dei suoi colleghi angloamericani), analisi, controlli incrociati e conclusioni. I nostri giornalisti ambientali scrivono prima la conclusione, e poi la adornano di analisi intelligenti, assumendo un unico punto di vista e sminuendo in anticipo qualsiasi opposizione.

Image from vadlo.com

Immagine presa dal sito vadlo.com

“Molto rumore per nulla”?

L'UEA e la CRU hanno smentito l'accusa che i loro dati siano falsi. In un articolo pubblicato sul sito web dell'università, affermano che è stato pubblicato il 95% dei dati climatici raccolti. Secondo loro, “… non c'è nulla nel materiale rubato che indichi che le pubblicazioni della CRU, e di altri, sulla natura del riscaldamento globale e del relativo cambiamento climatico non siano di altissima qualità di indagine e interpretazione scientifica”.

Secondo ClimateChange, un blog di gruppo di scienziati americani ed europei, la trama che gli scettici sostengono di aver svelato non si trova da nessuna parte:

There is no evidence of any worldwide conspiracy, no mention of George Soros nefariously funding climate research, no grand plan to ‘get rid of the MWP’, no admission that global warming is a hoax, no evidence of the falsifying of data, and no ‘marching orders’ from our socialist / communist / vegetarian overlords. The truly paranoid will put this down to the hackers also being in on the plot though.

Non c'è alcuna prova di una cospirazione mondiale, nessun accenno a George Soros che finanzia in modo nefasto la ricerca sul clima, nessun grande piano per ‘liberarsi del MWP’, nessuna ammissione che il riscaldamento globale sia una bufala, nessuna prova della falsificazione dei dati, e nessun ‘ordine di marcia’ da parte dei nostri padroni socialisti / comunisti / vegetariani. I veri paranoici, tuttavia, attribuiranno anche la colpa di tutto questo agli hacker che sono coinvolti nel complotto.

Per quanto riguarda il Mike's Nature trick, affermano che è tutta una questione di vocabolario:

Scientists often use the term “trick” to refer to a “a good way to deal with a problem”, rather than something that is “secret”, and so there is nothing problematic in this at all.

Gli scienziati usano spesso il termine “trucco” per indicare un “buon modo di affrontare un problema”, piuttosto che qualcosa che è “segreto”, e quindi non c'è assolutamente nulla di problematico in questo.

Il Newtongate

Il blog Carbon Fixated, dedicato alla fotosintesi e al cambiamento climatico, ha respinto la trama con umorismo. Ha immaginato cosa sarebbe successo se le lettere di Newton ad altri scienziati fossero state rese pubbliche:

If you own any shares in companies that produce reflecting telescopes, use differential and integral calculus, or rely on the laws of motion, [you] should start dumping them NOW. The conspiracy behind the calculus myth has been suddenly, brutally and quite deliciously exposed after volumes of Newton’s private correspondence were compiled and published.

Se possedete azioni di società che producono telescopi riflettori, usate il calcolo differenziale e integrale, o vi affidate alle leggi del movimento, dovete iniziare a scaricarle ORA. La cospirazione dietro il mito del calcolo è stata improvvisamente, brutalmente e deliziosamente smascherata dopo la compilazione e la pubblicazione dei volumi della corrispondenza privata di Newton.

Trasparenza

Non è chiaro quale sarà l'impatto che Climategate avrà sul summit di Copenhagen, ma possiamo sperare che possa almeno aver avuto un effetto positivo nell'incoraggiare un dibattito trasparente, come suggerito dal famoso fisico americano Richard Feynman nel 1974:

It’s a kind of scientific integrity, a principle of scientific thought that corresponds to a kind of utter honesty – a kind of leaning over backwards. For example, if you’re doing an experiment, you should report everything that you think might make it invalid–not only what you think is right about it: other causes that could possibly explain your results; and things you thought of that you’ve eliminated by some other experiment, and how they worked – to make sure the other fellow can tell they have been eliminated.”

È una sorta di integrità scientifica, un principio di pensiero scientifico che corrisponde a una sorta di assoluta onestà – una sorta di inclinazione all'indietro. Per esempio, se stai facendo un esperimento, dovresti riferire tutto ciò che pensi possa renderlo non valido, non solo ciò che pensi sia giusto: altre cause che potrebbero spiegare i tuoi risultati; e cose che hai pensato di aver eliminato con qualche altro esperimento, e come hanno funzionato – per assicurarti che l'altro individuo possa dire di essere stato eliminato”.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.