chiudi

Aiuta Global Voices!

Per rimanere indipendente, libera e sostenibile, la nostra comunità ha bisogno dell'aiuto di amici e di lettori come te.

Fai una donazione

Vedi tutte le lingue sopra? Traduciamo le storie di Global Voices per rendere i citizen media accessibili a tutti.

Scopri di più su Traduzione Lingua  »

Asia meridionale: retrospettiva del 2009 (prima parte)

Ora che il 2009 se n'è andato, andiamo a vedere cos'ha portato nella regione Sud-asiatica. In questa panoramica (divisa in due parti) rivedremo alcuni dei maggiori eventi avvenuti quest'anno in vari Paesi dell'Asia meridionale tramite le testimonianze dei cittadini-reporter. Un ringraziamento speciale va agli autori di Global Voices di quest'area per il lavoro svolto nel corso dell'anno.

Il 2009 è stato alquanto duro per l'Asia meridionale, perchè la recessione globale ha colpito anche i residenti locali. Questa popolosa regione conta molti lavoratori migranti verso il Medio oriente e di altri Paesi del mondo. Parecchi di questi lavoratori migranti sono tornati nelle proprie terre [in] per via di licenziamenti e minori opportunità. E l'ambito energetico ha prodotto grande preoccupazione perchè svariati Paesi devono far fronte a scarsità di corrente e continui blackout [in].

Bangladesh

PurnomuthiNonostante l'esistenza di blog in lingua Bangla sia relativamente recente, i blogger sono già divenuti una pietra miliare. Quest'anno circa 50 libri sono stati pubblicati da blogger [in] nel corso dellaFiera del libro di Ekushey [in] a febbraio. Va inoltre segnalato quest'interessante post in cui si guarda al Bangladesh attraverso gli occhi di alcuni blogger espatriati [in].

La mattina del 25 febbraio è giunta la notizia dell'ammutinamento in corso all'interno della sede principale dei Bangladesh Rifles (BDR – forze paramilitari di sicurezza al confine). Tra le voci infondate e l'attenzione dei grandi media, i cittadini-reporter ne hanno rilanciato gli sviluppi [in] e fornito prospettive importanti.

Mitragliere su Satmasjid, Road 7A (foto di Drishtipat, usata con autorizzazione)
Mitragliere su Satmasjid, Road 7A (foto di Drishtipat, usata con autorizzazione).

L'ammutinamento [in] si è poi concluso tragicamente, con 148 tra morti e scomparsi, tra cui diversi ufficiali militari, lasciando molte domande senza risposta [it]. A marzo i siti di YouTube e altri di file-sharing sono stati brevemente oscurati in Bangladesh [in] nel tentativo di bloccare una registrazione contenente l'audio di un incontro tra il Primo Ministro e gli ufficiali militari risentiti che protestavano per il massacro dei militari durante l'ammutinamento delle BDR.

TipaimukhNetizen di India e Bangladesh si sono assunti il compito di analizzare l'impatto negativo sull'ambiente [it] del progetto Tipaimukh Hydroelectric proposto in India (al confine con il Bangladesh) e i gravi problemi provocherà ai locali. Sono state lanciate delle campagne online per protestare contro la costruzione della diga. I blogger hanno messo in dubbio la trasparenza del processo dei negoziati [in] tra i due governi riguardo Tipaimukh e ne hanno discusso i piani nascosti.

A novembre le pressioni dall'ambasciata cinese hanno spinto le autorità locali a chiudere una mostra fotografica sul Tibet a Dhaka [in].

Bhutan

Cos'è il Bhutan? Alcuni lo considerano qualcosa di vicino al paradiso, mentre altri ritengano stia praticando una pulizia etnica cacciando le minoranze Lhotsampa originarie del Nepal. Il nostro nuovo autore Bhutanese Sonam Ongmo ha messo in evidenza i citizen media [in] al lavoro per scoprire la verità.

Paesaggio del Bhutan. Immagine dall'utente di Flickr<i> Jmhullot</i>, usata con licenza Creative Commons.Paesaggio del Bhutan. Immagine dall'utente di Flickr Jmhullot, usata con licenza Creative Commons.

Il concetto di Felicità Interna Lorda è stato originariamente coniato in Bhutan nel 1972. Tuttavia, i blogger locali condividono opinioni sul fatto che il concetto sembri essere preso più seriamente altrove ma non in Bhutan [it].

India

Elezioni:

Quest'anno ha segnato le 15esime elezioni del Lok Sabha (parlamento indiano) e i citizen journalist si sono mostrati all'altezza del compito fin dall'inizio della campagna elettorale. Fatto ancora più interessante, i maggiori partiti politici hanno utilizzato per la prima volta diverse campagne online e i blogger hanno variamente reagito a tali campagne (si veda qui [in] e qui [in]).

Inserzione di candidati al Parlamento su <i>Bollywood Frames</i>, noto blog d'intrattenimento.Inserzione di candidati al Parlamento su Bollywood Frames, noto blog d'intrattenimento.

Questa è stata anzi la prima elezione digitale [in] dell'India. Lo speciale sulle elezioni indiane [in] di Global Voices ha presentato le diverse angolazioni delle campagne elettorali, tra cui l'analisi dell'impatto delle campagne sociali [in] e l'utilizzo da parte di vari gruppi della società civile di strumenti digitali per la registrazione degli elettori e per assicurare la trasparenza nella corsa elettorale [in].

Banner per la registrazione degli elettori

I blogger hanno svolto un ruolo importante con previsioni e analisi dei sondaggi d'opinione [in] e interventi sul potere delle celebrità nell'infuenzare le elezioni [in], oltre ad aver indagato sulle piste di denaro sporco dei politici [in].

Schermata sulle elezioni

Durante questo periodo abbiamo assistito all'avvento del monitoraggio delle elezioni tenuto dai cittadini (Vote Report India) [in], basato sulla piattaforma open source Ushahidi e su una serie di specifiche risorse online [in].

Schermata di Vote Report India

Grazie a tutti questi strumenti, il lungo mese elettorale è stato seguito assai da vicino dai cittadini-giornalisti [in], i quali dopo certi sondaggi hanno riflettuto sul minor numero di elettori [in] e l'efficacia delle varie campagne.

Una volta dichiarati i risultati ufficiali, è emerso il fatto che gli elettori avevano votato per il non-cambiamento [it]. Anche la Twitter-sfera indiana ha dato ampio spazio [in] alle reazioni sugli sviluppi dei risultati.

Campagne online:

Quest'anno si sono avute anche campagne online di successo su svariate questioni sociali. A inizio anno molti indiani sono rimasti colpiti dalla notizia di un gruppo di giovani donne a Mangalore, nello stato meridionale del Karnataka, attaccate da vigilanti Hindu in un pub [in]. Presto è emersa la campagna online centrata su un gruppo Facebook che ha pianificato l'impertinente e audace mossa di recapitare mutande rosa da donna al partito di Ram Sena come ‘regalo di San Valentino’ [in]. Questa protesta non violenta è stata chiamata la campagna Pink Chaddi (intimo rosa).

Il video di cui sopra mostra una pila di mutandine e le lettere d'amore inviate ai vigilanti Hindu.

Il 2009 ha visto anche lo svolgimento del primo evento TEDIndia, e i blogger si sono entusiasmati non poco. Ecco una panoramica sul ruolo da loro svolto nell'evento [in].

Altre notevoli campagne online sono state la la grande sfida di guida [in] e il Progetto Sapling [it].

Diritti umani e libertà d'espressione:

Chyetanya Kunte, blogger indiano residente nei Paesi Bassi, è stato messo a tacere da minacce legali [in] per aver criticato un reporter TV che era ricorso al sensazionalismo nell'informare sull'attentato terrorista di Mumbai.

Shiv Shena, un partito politico di estrema destra ha fatto causa [in] ad un netizen di 19 anni che aveva criticato Shiv Sena su un sito di social network.

Lo stato indiano di Manipur è andato in caos dopo che sono emerse immagini di un ragazzo di 27 anni disarmato ucciso dalla polizia. I cittadini-giornalisti hanno criticato [in] le autorità e i media per aver ignorato l'episodio.

D'altra parte si è avuto il trionfo dei diritti umani quandouna corte indiana ha depenalizzato le relazioni omosessuali [in] e un blogger lo ha definito il giorno più importante nella storia dell'India indipendente.

Cultura e Religione:

Slumdog MillionaireSlumdog Millionaire, film britannico basato in India ha suscitato grande interesse tra i blogger indiani [it] per aver vinto quattro Golden Globe e dieci nomination all'Oscar. Il film ha provocato dibattiti [in] sul quadro fornito della vita nei quartieri poveri indiani e sull'attrazione esercitata sugli stranieri. Ma ciò non ha poi impedito alla pellicola di far piazza pulita di Oscar, vincendone 8 [it].

Segnaliamo infine un post che ha informato sul Durga Puja e gli annessi rituali [in]:

Salutare la dea Durga fino al prossimo anno. Foto di Aparna RaySalutare la dea Durga fino al prossimo anno. Foto di Aparna Ray.
Nella seconda parte di questa panoramica, rivedremo l'anno alle Maldive, in Nepal, Pakistan e Sri Lanka. Restate sintonizzati!

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.