chiudi

Aiuta Global Voices, fai una donazione!

La nostra comunità di volontari in tutto il mondo lavora per raccontare le storie di cui i media non parlano—ma non possiamo farlo senza il tuo aiuto. Sostienici con una donazione a Global Voices!

Fai una donazione

See all those languages up there? We translate Global Voices stories to make the world's citizen media available to everyone.

Learn more about Lingua Translation  »

Madagascar: 50 anni d'indipendenza, tra problemi irrisolti e speranze future

Antananarivo, Madagascar. Immagine da Flickr di Luc Legay, usata con licenza Creative Commons

Antananarivo, Madagascar. Immagine da Flickr di Luc Legay, usata con licenza Creative Commons

Il Madagascar si appresta a celebrare il cinquantenario dell'indipendenza. Per illustrare il progresso dal Paese, Patrick del progetto FOKO Madagascar [in] (finanziato da Rising Voices) ha intervistato [in] due anziani del posto sul cammino compiuto dal Madagascar in questi 50 anni d'indipendenza.

Paul, che aveva solo 13 anni quando il Madagascar [it] ottenne l'indipendenza dalla Francia il 26 giugno 1960, scrive:

È stato davvero duro essere colonizzati da un altro Paese. Potevamo perdere tutte le nostre ricchezze, anche la nostra cultura, che è impossibile trovare altrove nel mondo.

Ma non appare ottimista rispetto alla situazione attuale:

Il Madagascar corre sempre nella direzione sbagliata dello sviluppo, ovvero “il povero sta diventando sempre più povero e il ricco sempre più ricco.”

Foto di RanalinaRanalina (Maman’i Claudette) dice:

Dopo aver conquistato la libertà dai Francesi nel 1960, abbiamo avuto la nostra prima repubblica guidata da Tsiranana. [..] Con la seconda repubblica si stava assai meglio, ma c'era troppa corruzione ed è per questa ragione che il nostro Paese corre senza sosta verso l'inferno della povertà. Penso (che) sia stato quello (il momento) in cui è iniziata questa strana politica.

E sul futuro del Madagascar, aggiunge:

Secondo la mia opinione, l'unica chiave per portare il Paese in buone condizioni è l'istruzione. Tutto qui. Perché sembra nel Paese si viva ancora come nella jungla. Inoltre si dovrebbe perdonare, rispettare e tollerare il prossimo per il miglior futuro del nostro splendido Paese.

Imahaka [fr] informa che la scuola di giornalismo ESSVA ad Antiserabe ha condotto una campagna d'informazione sul virus H1N1, che ha già colpito numerose centinaia di persone in Madagascar. Il post descrive [in] come gli studenti ballino sul podio per attirare la gente. Hanno cominciato a usare le marionette e poi hanno integrato altre attività per informare su come prevenire il contagio del virus H1N1. Ecco una foto di gruppo degli studenti esultanti.

Missione compiuta! Foto di ESSVA

Missione compiuta! Foto di ESSVA

Ariniaina su Dago Tiako rivela come [in] una serie di banconote del Madagascar siano state emesse senza la firma del Governatore.

Penso che le attuali banconote non siano false, ma la Banca Centrale del Madagascar ha sbagliato nel non diffondere un annuncio ufficiale riguardo il cambiamento.

Infine, ma non meno importante, Tahina ha pubblicato dei video [in] di alcune famose canzoni del Madagascar.

Visitate questa pagina [in] saperne di più sui blogger del progetto FOKO.

avvia la conversazione

login autori login »

linee-guida

  • tutti i commenti sono moderati. non inserire lo stesso commento più di una volta, altrimenti verrà interpretato come spam.
  • ricordiamoci di rispettare gli altri. commenti contenenti termini violenti, osceni o razzisti, o attacchi personali non verranno approvati.